Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 4, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Sixx:A.M ‘Modern Vintage’

Sixx:A.M ‘Modern Vintage’
Salad Days

Review Overview

5
5
5

Rating

SIXX:AM
‘Modern Vintage’-CD
(Eleven Seven/Warner)
5/10


Non riesco a capire questi Sixx:A.M (supposto che ci sia qualcosa da capire). Se un musicista affermato (nel caso particolare Nikki Sixx, bassista dei Motley Crue) decide di intraprendere un percorso parallelo a quello della band madre, in genere è per esplorare ambiti musicali diversi. In genere è per provare qualcosa che frulla nel cervello da un po’, per assecondare degli sfizi, insomma. Comporre musica che con la band madre avrebbe difficoltà a lasciar passare senza rischiare di ritrovarsi i fan incazzati sotto casa. Ed è a questo punto che io mi perdo. Perché un musicista dovrebbe intraprendere una strada che, invece, è più allineata e timorosa di quella della band madre? Sixx, insieme ai due compagni di merenda James Michael (voce & batteria) e DJ Ashba (chitarra), rilascia un disco che è pop della categoria più becera e standardizzata. Canzoncine piacevoli che sembrano composte apposta per l’heavy rotation nelle radio e tv commerciali, per piacere a una platea molto ampia, per colpire i ragazzini con ritornelli ultra-catchy. Potrebbe in effetti essere scambiato come il disco di una boy-band di basso livello che si dota di buoni musicisti, ma per uno come Sixx è una mossa in malafede proprio in quanto indirizzata ad un pubblico generico. E non mi spingo a spiegare il significato dell’aggettivo “generico” per evitare di sembrare troppo snob e/o classista. Si tratta di un disco in cui ciò che manca è il Rock, in pratica. Stop.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment