Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Slabdragger ‘Rise Of The Dawncrusher’

Slabdragger ‘Rise Of The Dawncrusher’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

SLABDRAGGER
‘Rise Of The Dawncrusher’-LP
(Holy Roar)
7.5/10


Riff pachidermici, incedere da caterpillar, voce tra il cavernoso e lo scream assassino… gli Slabdragger si presentano in modo eccellente con questa “Odissea Spaziale” denominata ‘Rise Of The Dawncrusher’, nei fatti un’ideale e agghiacciante rilettura in musica degli scritti di H. P. Lovecraft visto appunto il concept pseudo spaziale. Aggiungiamo pure che il disco è masterizzato da sua maestà Steve Austin della casata dei Today Is The Day, e abbiamo un quadro pressochè completo di dove vogliono andare a parare i nostri tre inglesi, che per partorire questo lavoro ci hanno messo la bellezza di quasi tre anni (dilettanti in confronto a ‘Jerusalem/Dopesmoker’ degli Sleep), contemplando cambi di line-up e sventure assortite. Il singolo (diciamo primo estratto perchè definirlo singolo sembra davvero bizzarro!) ‘Evacuate!’ è il brano più diretto e sparato in faccio del combo inglese, che ricorda in questi frangenti i Mastodon degli esordi incattiviti ad arte ma le cose migliori, anche se l’episodio è piacevole e a tratti entusiasmante, le ritroviamo quanto gli Slabdragger giocano con l’ascoltatore come il classico gatto col topo, stuzzicando con ritmiche lente e cadenzate per poi schizzare improvvisamente in fraseggi scellerati e spiazzanti (cfr. ‘Mercenary Blues’ e la micidiale ‘Dawncrusher Rising’). Gran bel disco e gruppi che definirei in maniera elegante “con i controcazzi”!
(Davide Perletti)

Submit a Comment