Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 21, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Stone Circles Fuzz Orchestra ‘Stone Circles Fuzz Orchestra’

Stone Circles Fuzz Orchestra ‘Stone Circles Fuzz Orchestra’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

STONE CIRCLES FUZZ ORCHESTRA
‘Stone Circles Fuzz Orchestra’-CD
(This Is Core)
7/10


Psichedelia, stoner, hard-rock, southern rock e chi più ne ha più ne metta. Sono assai tradizionalisti questi quattro musicisti fiorentini, nostalgici di quel modo di intendere la parola rock caro agli anni ‘60/’70 e che oggi sembra essere riemerso grazie anche al successo di diverse compagini d’Oltreoceano. Viaggiano sui 432Hz al posto dei canonici 440Hz e già da questo si capisce quanto questa band vada oltre i cliché che la scena musicale impone, cercando negli anni d’oro del rock il proprio DNA stilistico. Un percorso che a nemmeno due anni dalla nascita del progetto ha trovato il suo primo tassello in questo disco omonimo, licenziato da This Is Core Records e prova concreta di quanto questi Stone Circles Fuzz Orchestra ci sanno fare. Un lavoro tendenzialmente stoner oriented verrebbe da dire, concepito attraverso un muro sonoro a prova di bombe e una voce capace di stravolgere la propria timbrica in base allo scenario sonoro. Sette brani intensi dove l’adrenalina tipica del rock’n’roll e il lato heavy dei Nostri emerge in tutta la sua essenza, nonostante a volte la voglia di fare li porta a esagerare nel minutaggio. Da segnalare c’è sicuramente ‘L’Ottavo Giorno Dio Si Sveglii’, unico brano proposto in madrelingua e ottimo punto di partenza sul quale pensare a ulteriori sviluppi in italiano. Un esordio decisamente positivo.
(Arturo Lopez)

Submit a Comment