Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 4, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Suicidal Tendencies ‘World Gone Mad’

Suicidal Tendencies ‘World Gone Mad’
Salad Days

Review Overview

6
6
6

Rating

SUICIDAL TENDENCIES
‘World Gone Mad’-CD
(Suicidal)
6/10


Io sinceramente non so come iniziare a parlarvi dell’ultima fatica in studio dei Suicidal Tendencies. Vuoi perchè fino al 1993 sono stati uno dei miei gruppi preferiti, vuoi perchè per uno come me che ama la spiaggia ed il sole loro sono la colonna sonora ideale, vuoi perchè quando hanno avuto la svolta (o per meglio dire, l’hanno creata loro stessi) crossover thrash li ho amati ancora di più. Ora mi trovo un pò in imbarazzo. Sì, avete letto bene, sono imbarazzato. Questo tanto strombazzato comeback, con addirittura dietro al drum kit quel Dave Lombardo che è ancora oggi croce e delizia di chi ama il sound estremo, non mi convince per niente. Suona tutto troppo deboluccio e insipido. Mike Muir si danna l’anima dietro a microfono per cantare il suo disgusto per come si è ridotto il mondo, ma sembra un vecchio nonno seduto sulla poltrona con la copertina che redarguisce il nipotino di turno sul fatto che al giorno d’oggi i giovani siano tutti degli smidollati. Il riffing sarebbe anche bello e figo, ma sarebbe dovuto esser stato registrato con maggiore vigore. Ci sono i pirulini e gli assolini, ma cari miei, c’è un abisso tra questa roba e ciò che sfornava il grandissimo Rocky George. Parliamo del drumming. Hai in formazione Lombardo, dico Lombardo, uno che ha eseguito e registrato le parti di batteria più mortali (o quasi) del thrash metal nel 1986 e cosa gli fai fare? Gli fai tenere il tempo. Sì, perchè Lombardo qui tiene il tempo e basta. Non c’è funambolismo, non c’è ricercatezza, non c’è un tubo. Sinceramente rimpiango (e tanto) i tempi di ‘Lights.Camera.Revolution.’ con Herrera dietro alle pelli, con i suoi filler e la sua ritmica indiavolata. Per il resto quest’album si trascina fra assalti hardcore, un pò di funk e quelle ballate melense e totalmente inutili. La magia dei bei tempi è completamente andata. Ci sarà un perchè sul fatto che su Metallum gli ultimi album del combo di Venice Beach si sono presi una media di 15% a recensione… (beh facevano pietà rispetto a questo dai/ndr)
(Marco Pasini)

-3

Submit a Comment