Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 5, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Suma ‘Ashes’

Suma ‘Ashes’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

SUMA
‘Ashes’-LP
(Argonauta)
7.5/10


Non sono mai riuscito a capire fino in fondo i Suma ma ammetto che ‘Ashes’, originariamente pubblicato nel 2010 e praticamente introvabile in formato fisico già ormai da parecchio tempo, sia uno dei migliori esempi in circolazione nel coniugare il mondo post-metal e quello sludge/doom. L’abusatissimo termine “apocalittico” calza davvero a pennello nel descrivere ‘Ashes’, che in questa riedizione curata da Argonauta Records non mostra minimamente i segni del tempo ma anzi suona moderno ed attuale dando la paga alla maggior parte delle uscite di genere di questi ultimi anni. Le ritmiche meccaniche della titletrack e lo straziante incedere di brani come ‘Headwound’ (che paga pegno ai maestri Neurosis) descrivono in modo perfetto il mood che questi svedesi riescono a ricreare con atmosfere da “fine del mondo” e pessimiste, che fa sembrare degli allegroni i componenti della maggior parte delle black metal band in circolazione. Una certa affinità di intenti con i Godflesh prima maniera (anche per le tematiche trattate), le rasoiate calcolate di chitarra e le ritmiche inesorabili e al limite del noise completano il tutto… ascoltate (anzi subite!) i diciassette minuti di ‘Odessa’ e poi ne riparliamo! Continuo a mantenere le mie riserve sui Suma (soprattutto in sede live), ma un disco come ‘Ashes’ è senza dubbio un lavoro con i controfiocchi e questa curata riedizione ne conferma tutto il suo valore.
(Davide Perletti)

9WgLrZ0gvfw0JURxJfo6Up1iygj6hDTpWnC2C7SsPao_lj2F682NQLUXG7Q4Z-rHWKIloBrUqeNXdbunnvyIomYEfzSkG2FQTJoGUMItMqqs-b9OKy9cL1bo2waZi2I1ykuHwRB241XGB4Hn0KOTZExLn2YcUs48JNlHP7U=s0-d-e1-ft

Submit a Comment