Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 7, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Tempesta / Greg Jager solo show

Tempesta / Greg Jager solo show
Salad Days

Tempesta, Mostra personale di Greg Jager. Dal 2 novembre all’8 dicembre 2019. Galleria 206, via dei mille, 206 – Bari.

Galleria 206 è lieta di presentare Tempesta la mostra personale del visual artist Greg Jager, già noto a livello nazionale e internazionale per le sue produzioni in grande formato. Il vernissage di apertura sarà sabato 2 novembre, dalle 19.00 alle 24.00. La mostra sarà visitabile dal giovedì alla domenica dalle 18 alle 21. È possibile prenotare visite private al 3282280041. L’ingresso é gratuito per i soci 206,è possibile tesserarsi nella sede di via dei mille 206,Bari. Il costo della tessera è di 10,00 € con durata annuale.

La mostra
Greg Jager presenta un nuovo corpo di artwork con un approccio grafico minimalista e un forte dialogo con lo spazio espositivo. La proposta delle opere è quella di cancellare il confine tra dipinti e sculture utilizzando una “library” di forme e segni grafici che l’artista ha specificatamente disegnato per questa occasione. Ad ispirare la sua produzione è stato il contesto urbano della città di Bari e il suo legame con la cultura russa. Nello specifico l’attenzione ricade sull’architettura della chiesa ortodossa russa di Bari, dedicata a San Nicola, progettata nel 1913 dall’architetto Aleksej Viktorovič Ščusev. L’artista ricava da questo edificio senza dubbio inusuale, gli elementi più caratterizzanti, estrapolandoli dalla realtà per formare dei motivi grafici a tinta piatta e una palette colori ridotta all’essenziale, per dare vita all’intero corpo di opere. Il contributo critico è firmato da Amir Issaa, storico rapper e writer romano appartenente ai collettivi Rome Zoo e TRV, attento osservatore delle avanguardie creative in ambito “urban” e co-fondatore della piattaforma creativa The Hasib Posse.

Statement dell’artista
Tempesta è la mia prima mostra personale. Il titolo della mostra nasce da una ricerca che ho condotto sulla città di Bari e i suoi simboli: si ispira ad una leggenda che vede protagonista il patrono di Bari ma la mia intenzione è quella di rappresentare la tempesta come stato emotivo. L’obiettivo per me è di entrare in galleria con l’intento di disturbare l’ambiente e portare disordine, come fa una tempesta. Andare oltre le barriere, come fa una tempesta. Andare oltre le regole del mondo dei Graffiti e dell’urban art. Andare oltre la propria “safety area” esplorando nuovi algoritmi visivi. Per questo ho scelto uno spazio informale e libero dalle leggi del mercato, che mi ha dato la massima libertà di sperimentazione”.

Greg Jager
Visual artist attivo a livello internazionale, focalizza la sua ricerca sull’astrattismo geometrico e l’architettura. Nato nel 1982 si avvicina al mondo dei Graffiti e dello e skate intorno al 1997. Nel 2004 ha iniziato a lavorare come graphic designer e dopo 10 anni ha deciso di dedicarsi completamente alla propria produzione artistica evolvendo la sua figura di Graffiti writer e la relazione con lo spazio urbano. Le sue influenze provengono dalle avanguardie di inizio 900 ma spaziano fino ad arrivare alla kinetic art e alle arti digitali e sonore. Ha lavorato con importanti istituzioni come il MacRo – Museo d’arte contemporanea di Roma, l’Istituto Italiano di Cultura di Atene e Barcellona, ed ha collaborato con brand come Fendi e Bombay Sapphire oltre ad aver partecipato a diversi festival di arte pubblica in ambito europeo e di recente ha esposto le sue opere a Parigi in collaborazione con GCA Gallery, nell’ambito di District 13 Art Fair.
gregjager.com
@greg.jager

Galleria 206
Questa avventura nasce dalla volontà di un gruppo di amici pronti a condividere le proprie esperienze, il proprio background artistico e professionale, per la creazione di uno spazio comune pronto a consentire l’emersione di realtà nascoste e sottovalutate, realtà lontane dall’asfissiante presa del mainstream. Un’esigenza questa che può trovare accoglimento proprio nella possibilità di usufruire di un network, di una comunità, di un’esperienza associativa che funga da innesco e supporto per i progetti dei nostri soci.
unknownow.it
@206galleria

The Hasib Posse
The Hasib Posse progetta, sviluppa e cura attività artistiche legate alla cultura del Graffiti writing. In questa occasione è cultural Partner di Greg Jager, per il quale cura la comunicazione visiva, il testo critico della mostra Tempesta e la prossima pubblicazione cartacea di ‘Tempesta – The Sketchbook’.
hasibposse.com
@hasibposse

Submit a Comment