Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | June 26, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

The Brain Olotester ‘Wash Your Blues Away’

The Brain Olotester ‘Wash Your Blues Away’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

THE BRAIN OLOTESTER
‘Wash Your Blues Away’-CD
(I Dischi Del Minollo)
7.5/10


Dietro il nome The Brain Olotester c’è Giuseppe Calignano (ex Muzak), quindi ‘Wash Your Blues Away’ deve considerarsi un album solista a tutti gli effetti. Ed è pure la seconda uscita, dopo il debutto omonimo del 2008. Il cantautorato indie-folk dagli spiccati tratti psych del disco giunge in maniera spontanea e fluente all’orecchio di chi ascolta, avvolgendolo di un confidenziale abbraccio acustico. Prodotto da Paolo Bergese (Airportman), che pare aver voluto accentuare il lato tradizionale e vintage delle composizioni, il disco si snoda in undici tracce calme e intime, ballate fragili (‘The Queen, The Rose And The Moon’, ‘A Day In 1999’), accorate (la title-track che chiude il disco, tra arpeggi pianistici e l’ugola delicata di Giuliana Negro), dilatate del tempo e nello spazio (‘Four Years Ago’), esili come un carillon in loop (il vibrafono in ‘Before And After The Library Information Systems’). È un lavoro che emoziona, con i suoi arrangiamenti ricercati e dilatati, soltanto apparentemente semplici, capaci di strizzare l’occhio ad un pubblico potenzialmente molto vasto senza che questo vada a scapito della qualità. Non è così che dovrebbe essere l’indie-pop migliore?
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment