Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 14, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

The Caulfield Cult ‘Things Can Only Get Worse From Here’

The Caulfield Cult ‘Things Can Only Get Worse From Here’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

THE CAULFIELD CULT
‘Things Can Only Get Worse From Here’–LP
(Rooftop Records/Don’t Shoot The Messenger)
7,5/10


Normalmente si tende ad essere troppo atlantisti (passatemi il termine), senza troppo interessarsi di realtà che stanno ad occidente dell’Occidente. È il caso dei The Caulfield Cult, quartetto di Singapore, band ascrivibile all’emo punk. Con questo secondo LP ‘Things Can Only Get Worse From Here’ (il titolo fa capire in maniera non troppo velata il tono dell’ album) proseguono il percorso iniziato con ‘Leave Cemetery Junction’: nove tracce, per poco più di venti minuti, si snodano attraverso riff e melodie che ricordano i più famosi Hot Water Music e Title Fight, ricordando anche sprazzi di Pearl Jam. Qualche sbavatura in una produzione che risulta un po’ grezza, ma credo voluta, e alcune parti vocali che non entusiasmano, ma nel complesso una buona base in cui ricordare pezzi come ‘Great Scott’ e soprattutto ‘Etched’, forse il vero e proprio inno di questo disco.
(Fabrizio De Guidi)

Submit a Comment