Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 25, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

The Last Shadow Puppets ‘The Dream Synopsis’

The Last Shadow Puppets  ‘The Dream Synopsis’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

THE LAST SHADOW PUPPETS
‘The Dream Synopsis’-EP
(Domino)
7/10


Il supergruppo The Last Shadow Puppets rappresenta una delle poche eccezioni positive di band formata da membri di gruppi già più che affermati, in questo caso Artic Monkeys e The Rascals. Il primo album ‘The Age Of The Understatement’ nel 2008 si identificò come un concentrato di finezza pop cinematica con uno standard altissimo di brani-frecce che sono diventate dei classici già al primo ascolto: la title-track, ‘Standing Next To Me’, ‘Calm Like You’, ‘I Don’t Like You Anymore’. Capolavoro. Poi il nulla, sei anni d’attesa con qualche collaborazione qua e là. Finalmente, agli inizi del 2016, il nuovo lavoro ‘Everything You’ve Come to Expect’, compatto, omogeno, pieno di stilizzazioni, un coacervo di idee frizzanti con contorni e mura ben alte. Un passo fermo. Ed ecco che arriva nell’ultimo scorcio dell’anno ‘The Dream Synopsis’ un ep spontaneo, una cosetta fatta per bene, che contiene due brani “rivisited” dall’ultimo album, ‘Aviation’ e ‘The Dream Synopsis’, poi quattro covers: ‘Les Cactus’ di J. Dutronc, singolo del 1967 dove i nostri si trovano proprio a loro agio mettendoci un piglio psych niente male; ‘Totally Wired’ dei Fall che è un punkettone modaiolo e depurato dall’anarchia originale; con il brano dei Glaxo Babies si cavalca di nuovo l’onda adatta per i The Last Shadow Puppets, si potrebbe tranquillamente considerare un brano dei nostri e nessuno se ne accorgerebbe; ‘Is This What You Wanted’ di L. Cohen è una cover grandissima un omaggio rispettoso ma intenso, calibrato ma ricercato.
(Giuseppe Picciotto)

Submit a Comment