Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 6, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

The Menzingers ‘Hello Exile’

The Menzingers ‘Hello Exile’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

THE MENZINGERS
‘Hello Exile’–LP
(Epitaph)
7/10


Diventai ormai paladini del cosiddetto springsteencore (non c’è bisogno che ve lo spieghi) assieme a quei bravi ragazzi dei Gaslight Anthem (con anche Fallon in versione solista), i Menzingers ritornano a due anni esatti da ‘After The Party’, album ottimamente recepito dalla critica di settore e un po’ meno da quella con la puzza sotto il naso. Stesso copione si può dire con questo ‘Hello Exile’, dove la crisi dei trent’anni torna come tema principale, dove si percepisce lo spazio tra il qui e ora e il traguardo dei quaranta come un’incognita preoccupante, con qualche critica politica neanche troppo velata che non fa mai male (‘America (You’re Freaking Me Out)’) e problemi di cuore (‘Anna’). Barnett e soci riescono a convincere per tutta tutti i quarantacinque minuti di ‘HE’, con brani che dopo un paio di ascolti sono già familiari e impressi in testa grazie ad una tecnica nella scrittura affinata con gli anni, rendendolo uno degli album di spicco di questo 2019.
(Fabrizio De Guidi, @fabriziodeguidi, @fabrizio1919)

Submit a Comment