Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | February 7, 2023

Scroll to top

Top

No Comments

The Peawees ’20 Years And You Still Don’t Know Me’

The Peawees ’20 Years And You Still Don’t Know Me’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

THE PEAWEES
’20 Years And You Still Don’t Know Me’–LP
(Wild Honey, Slowbeat)
8/10


E niente, se un minimo seguite (o avete seguito) la scena r’n’r italiana probabilmente vi sarà capitato di sentir nominare i Peawees. Da Las Pezia, sono vent’anni che suonano per tutta la penisola con più di qualche incursione in Europa e oltreoceano, capitanati dall’ormai unico membro originale Hervé Peroncini con a supporto Carlo Landini, Fabio Clemente e Tommy Gonzalez, rispettivamente chitarra, basso e batteria. E dopo tutto questo tempo, per ripercorrere e celebrare la loro storia, escono (sotto Wild Honey Records e Slowbeat Records) con un autocitato ‘20 Years And You Still Don’t Know Me’, un raccoltone di quasi trenta tracce che va a pescare e ad assemblare i loro successi (ci sono anche interpretazioni di pezzi di Eddie Cochran, Johnny Burnette, Chris Kenner e Dion DiMucci!), per l’occasione interamente rimasterizzati dalle mani di Justin Perkins del Mistery Room Mastering di Milwakee, USA. Non c’è molto da discutere sulla resa dei pezzi, perché anche dopo un quinto di secolo riescono a suonare attuali, freschi e ancora sorprendentemente coinvolgenti. La chiosa finale per spiegare i Peawees è da fare citando gli Squallor: “vent’anni a cazzo dritto”.
(Fabrizio De Guidi, @fabriziodeguidi)

ATneZiA8vRn4Mja-v-cvOt-oenPdNMx7rQA-Otdhc2stpA_CRtWMNpRe2qg0ynen0ooWea0hP534O4qTEDfVoyuuXfPr-0X4NfMrgORX1eOY0u6Q5J4fDg5rTMIzM6KHz7w8NSy3NpviUT-VaL8=s0-d-e1-ft

Submit a Comment