Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 20, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

These Minds ‘Pour Out’

These Minds ‘Pour Out’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

THESE MINDS
‘Pour Out’-EP
(Disconnect Disconnect/Common Ground)
6.5/10


Bene, con questa review torniamo in UK: direttamente da Leeds, Yorkshire, una giovanissimabpop punk band ben strutturata, tatuata, ben vestita, musicata. Loro sono i These Minds al via con un nuovo Ep intitolato ‘Pour Out’! La band nasce nel 2015, rilascia un primo Ep nel Marzo dello stesso anno, intitolato ‘Figure Out’ comprendente quattro pezzi e completamente autoprodotto, buona grafica di copertina, sound fresco e vivace. Grazie a questa presentazione prende il via la moderna routine sul web, quindi la band, come si nota dai post sui loro social, comincia ad esser seguita molto bene. Il 21 Ottobre 2016, verrà pubblicato così il loro primo Ep sotto etichetta, anzi doppia etichetta perché sarà la Disconnect Disconnect ad occuparsene per quanto riguarda l’Europa piuttosto che la Common Ground Records per ciò che concerne gli Stati Uniti invece. ‘Pour Out’ è il titolo di questo mini album dove troviamo cinque brani ed un’altra bella grafica in copertina, stile tattoo un po’ giapponese un po’ tradizione, diciamo simile alle ultime robe dei Title Fight (vedi flyer, tour poster e copertine dei singoli). ‘Emley Moor Mast’ è il singolo scelto per la promozione, dello stesso è stato rilasciato un video clip nel quale la band semplicemente suona dentro ad una piccola stanzetta con un lenzuolo bianco alle spalle con su scritto il proprio nome, scene intervallate da stralci di una semplice giornata di un giovane. Breve nota: da buoni inglesi attenti alle mode, pur essendo super giovani, i ragazzi si mostrano perfetti nel loro out-fit e nei tattoo, ben in vista, su mani e braccia. I brani sono freschi e dinamici pur presentando parecchie similitudini con band della stessa ondata: Such Gold, The Story So Far, Jimmy Eat World, e per citare alcune band nostrane beh gli intramontabili Notimefor (ormai fermi da un po), i Now.Here o i Four Seasons One Day. E’ un genere ormai cavalcante, grazie alle mosse dei Title Fight già citati potremmo dire, che, pur provenendo dall’hardcore melodico hanno saputo seguire il vento e ne hanno fatto un trend. Nessuna particolarità nel susseguirsi dei pezzi, buona registrazione, suoni curati, sembra tutto scritto a tavolino. I ragazzi saranno in giro fino a fine Novembre con un po’ di date sparse per la Gran Bretagna, per chi fosse da quelle parti, a voi These Minds.
(Turi Messineo)

PromoImage-1

PromoImage-2

PromoImage-3

Submit a Comment