Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | November 14, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Torche ‘Restarter’

Torche ‘Restarter’
Salad Days

Review Overview

9
9
9

Rating

TORCHE
‘Restarter’–CD
(Relapse)
9/10


Il 20 febbraio uscirà ‘Restarter’, l’atteso nuovo album dei Torche, una band che conta un pubblico ampio, trasversale e con aspettative molto alte riguardo questo nuovo lavoro in studio. ‘Restarter’ segna inoltre l’approdo dei Torche in casa Relapse, fra le band che viaggiano su grandi numeri. Queste nuove dieci tracce non tradiscono assolutamente le attese, ma anzi segnano un passo avanti nello stile e nella qualità del gruppo di Miami. Il loro sound sludge/stoner arricchito da un personalissimo gusto anni’90 è intatto, ma rispetto ad Harmonicraft (Volcom Entertainment – 2012) suona con meno fronzoli, un po’ meno melodico e decisamente più potente, epico e pesante, forzando sulle parti sludge metal. Le chitarre sono più basse e cupe, concentrate soprattutto sulla ritmica, protagonista rispetto alla melodia. Quella che può sembrare a parole un’involuzione è in realtà una scelta ottimamente realizzata in direzione della purezza stilistica. Parti noise in ‘Annihilation Affair’ e ‘Servants’, ritmiche ipnotiche in ‘Bishop In Arms’ e ‘Restarter’, geometrie in ‘Minions’ e ‘Blasted’, rappresentano una varietà formale che coerentemente rimane al servizio di parti vocali struggenti ed evocative, creando un effetto che cattura senza possibilità di scampo. ‘Restarter’ abbassa nel complesso i BPM solitamente in uso alla band, a beneficio del vigore, dato anche da un suono mai di questa qualità nei precedenti album. In definitiva il successo di questo disco sta nel riuscire ad essere allo stesso tempo più potente e più elegante di quelli passati. Diamo quindi appuntamento a quest’album a fine anno, quando probabilmente lo vedremo nelle classifiche dei migliori album metal del 2015.
(Francesco Banci)

PromoImage-2

Submit a Comment