Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 15, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Viva Death ‘Illuminate’

Viva Death ‘Illuminate’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

VIVA DEATH
‘Illuminate’-LP
(Functional Equivalent Recordings)
7/10


Parte la doppietta iniziale ‘Ready To Go’ e ‘Trip’ e ti chiedi “ma finalmente i Queens Of The Stone Age sono tornati a fare sul serio?”. Questa domanda, che nasconde un complimento ai nostri Viva Death, nasce spontanea ascoltando a tutto volume i due brani sopracitati, desertici fino al midollo, dall’incedere ipnotico e incalzante e che trasudano deserto e alternative rock da ogni poro. Del resto nei Viva Death troviamo l’accoppiata Scott Shiflett (fratello del più celebre Chris dei Foo Fighters che insieme al batterista-prezzemolino Josh Freese ruota comunque intorno alla band) e Chad Blinman dei Face To Face; il duo ci regala un riuscito episodio di rock a tutto tondo. Sì perché passata la prima “ondata” pseudo desertica troviamo un disco dalle mille sfaccettature capace di unire le sonorità di A Perfect Circle, QOTSA e hard rock mainstream (pensiamo ovviamente ai Foo Fighters) ad altri episodi proto-punk se non industrial. L’alternarsi di brani come ‘Sound The Alarm’, diretto brano alternative che potrebbe essere benissimo uscito dalla penna di Dave Grohl di qualche anno fa, e canzoni ben più atipiche e particolari come ‘Man In The Street’ (pop rock non convenzionale all’ennesima potenza) rende ‘Illuminate’ sempre interessante e piacevole. Disco strano, a volte immediatamente fruibile e altre volte cervellotico all’ennesima potenza, non certo perfetto ma… dannatamente intrigante!
(Davide Perletti)

907019

Submit a Comment