Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 7, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

W.A.S.P. ‘Golgotha’

W.A.S.P. ‘Golgotha’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

W.A.S.P.
‘Golgotha’-CD
(Napalm)
6.5/10


Viene un po’ da ridere nel leggere della rinnovata fede cristiana del redivivo (in tutti i sensi!) Blackie Lawless: al di là della scelta personale il tutto lascia un po’ perplessi soprattutto perchè rimangono immortali le gesta del nostro portavoce dell’area “occulta” dell’hair rock anni’80, immortalate nelle delicatissime lyrics di brani come ‘Animal (Fuck Like a Beast)’. Detto questo la band californiana è sempre rimasta attiva in questi anni e, recupero della fede perduta di Blackie e cambi vorticosi di line-up a parte, non possiamo certo dire che a nome W.A.S.P. siano usciti album memorabili. ‘Golgotha’ riesce quanto meno nell’impresa di ridare interesse nella band grazie ad un album inaspettatamente ispirato, dal concept abusatissimo ma sempre affascinante ed un buon numero di robusti anthem hard rock. Dicevamo del concept, sorta di narrazione alternativa della morte di JC ad opera di uno dei due ladroni crocifissi insieme a lui: l’espediente narrativo non è fine a se stesso visto che in più di un passaggio le lyrics sono particolarmente eloquenti e probabilmente danno mordente alla parte musicale, soprattutto nelle canzoni più elaborate e in un certo senso più rischiose come nella conclusiva e lunga cavalcata a tinte quasi psichedeliche ‘Slaves Of The New World Order’. Se non fosse per la ballad ‘Miss You’ ci troveremmo di fronte ad un monolitico esempio di hard rock anni’80, sgraziato e diretto quando serve (‘Scream’), ma anche piacevolmente melodico e intelligentemente arrangiato in altri episodi (‘Hero Of The World’ o la cavalcante ‘Last Runaway’). A chi si rivolge e a chi può interessare l’ascolto di ‘Golgotha’? Questa è una bella domanda… facezie a parte la Lawless band torna in pista probabilmente con meno spocchia e con maggior riguardo per l’aspetto musicale sfornando un disco più che dignitoso e dal piacevole ascolto.
(Davide Perletti)

Submit a Comment