Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 7, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Waco ‘Hope Rituals’

Waco ‘Hope Rituals’
Salad Days

Review Overview

6
6
6

Rating

WACO
‘Hope Rituals’-LP
(Venn)
6/10


Ascoltare ‘Hope Rituals’ , secondo disco dei londinesi Waco, è come andare a un festival dove vorreste vedere solo un paio di gruppi, dove magari poi ne scoprite anche un altro che vi piace, ma – a meno che non stiate prendendo delle droghe – dove l’intera giornata potrebbe essere lunga e difficile. Continuando nella metafora, se l’ordine delle band di quel festival fosse stato diverso sarebbe andato tutto meglio, ma recuperare l’entusiasmo dopo qualcosa che vi suona insopportabile è sempre difficile. Quelli che personalmente vedo come difetti, per i Waco penso siano invece delle buone intenzioni, sia per l’elenco delle influenze che menzionano (Genesis, Youth Of Today, Rush, Fu Manchu…) sia per quelle che chiunque può intravedere in queste undici tracce. Nei momenti migliori ci ho sentito Pup (‘Good Days’) e The Computers (‘Wrecking Ball’), in quello inaspettato (‘Physio’) ho percepito una scheggia di hardcore statunitense anni 80, in quelli peggiori invece ci ho trovato dai Dire Straits ai Litfiba (che escludo siano un’influenza dei Waco ma rendono l’idea). Tra un giro stoner da una parte e una nota funkeggiante dall’altra, ne esco con sentimenti contrastanti, consapevole di aver talvolta apprezzato questo disco quanto di averlo completamente odiato in altri momenti. L’ascoltatore avventuroso trova ‘Hope Rituals’ in commercio da fine agosto via Venn Records (l’etichetta dei Gallows), con tanto di vinile in colorazione eco-mix realizzata con gli scarti di produzione altrui.
(Marco Capelli)

Submit a Comment