Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 27, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

War On Women ‘Self/Titled’

War On Women ‘Self/Titled’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

WAR ON WOMEN
‘Self/Titled’-CD/LP/DIGITAL
(Bridge Nine)
8/10


Avevo sentito parlare dei War On Women. Ma non ci avevo mai prestato attenzione. Il quintetto del Maryland, tre donne, tra cui la vocalist Shawna Potter, e due maschietti, sono usciti con il loro album di debutto, omonimo, poco più di un mese per Bridge Nine a tre anni di distanza dal loro primo ep e dopo svariati tour in compagnia di band di elevata fama e spessore (Propagandhi, Jello Biafra e The Menzingers). Pensavo di avere tra le mani dei cloni dei Walls Of Jericho ma, prima sorpresa, mi sbagliavo. Se vogliamo riassumere in breve, War On Women possono essere etichettati come delle L7 2.0, anche se riassumerli così sarebbe riduttivo. Punk, hardcore, qualche spruzzatina di metal e quel sound grezzo quanto basta per ricordare appunto la band di Donita Sparks e riportare alla mente tutto il movimento riot grrrl che andava tanto in voga a metà anni novanta. 11 tracce, dirette, sia nella musica che nei testi, tra cui spiccano ‘Meathead’ e ‘Glass City’, le mie preferite. Debutto col botto, sentiremo sicuramente parlare di War On Women per un bel pezzo.
(Francesco Zavattari)

dC_RZFdc3kE_H8uL4PZ7B2Got2sF_DFyKGDj1cvEAWxvSSJ7lcPVuhrzXMergI-FYPoaI6tKxSzmm6xFxC4NY53z7KiZornBtUMxzFxGCWv_5Mye7jvCAEZPA98OWbjMii7B-j0QupuxPVPMBx5VgQ3IRiQplg=s0-d-e1-ft

Submit a Comment