Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 21, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Wear Your Wounds ‘Rust On The Gates Of Heaven’

Wear Your Wounds ‘Rust On The Gates Of Heaven’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

WEAR YOUR WOUNDS
‘Rust On The Gates Of Heaven’-LP
(Deathwish Inc.)
8/10


Wear Your Wounds, la creatura di Jacob Bannon, si è evoluta e da progetto in solitaria del cantante dei Converge, nel passaggio tra il primo album ‘WYW’ e questo ‘Rust On The Gates Of Heaven’, diventa una (super) band a tutti gli effetti. Un quintetto che annovera tra le sue file Mike McKenzie (The Red Chord), Adam McGrath (Cave In), Sean Martin (Twitching Tongues, ex Hatebreed) e Chris Maggio (ex Trap Them). L’album, dedicato a Caleb Scofield e incorniciato da intro e outro pacati e dai toni bigi, segna una netta evoluzione dal progetto intimo e personale di Bannon, a band in cui tutti collaborano al processo di scrittura. Viene fuori un album composito, che modella diverse grammatiche musicali per condurre un discorso valido e complesso. I morbidi momenti pieni di carattere di post-rock scrivono mesti e toccanti epitaffi che sbocciano lentamente come dei fiori notturni e che raggiungono il climax proprio con l’arrivo delle tenebre. I tremolii di chitarra sembrano instabili gocce di rugiada esposte ad un freddo vento invernale, ma non mancano nemmeno degli episodi più dinamici e incisivi. ‘Rust On The Gates Of Heaven’ ci trascina con sommesso e timido lirismo tra nenie che sgomitano fra le cicatrici del passato (‘Tomorrow’s Sorrow’) reinterpretate con nuovo piglio, tingendosi di elettricità al limite dell’industrial e passando per delle sfuriatine post-black, finali a sorpresa e allusioni gothic doom, ambizioni folk (‘Lurking Shadow’), illusioni indie (‘Love In Peril’), un cantautorato maturo e lente e tenui liturgie post-rock. Qualche sprovveduto avvertirà puzza di manierismo ma, se pensiamo che alla regia c’è proprio quel Bannon, che questa maniera ha contribuito a creare, allora cade ogni perplessità e ‘Rust On The Gates Of Heaven’ si svelerà per la perla che è.
(Santo Premoli)

promoaccessory_613254

Submit a Comment