Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Zero Zeros ‘S/t’

Zero Zeros ‘S/t’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

ZERO ZEROS
‘S/t’-LP
(Drunken Sailor/Bachelor)
8/10


Mi piace ricevere le mail da Drunken Sailor: si tratta al 90% di bei dischi e Julian Stevenson è infallibile nel dirvi come suonano. L’omonimo disco dei tedeschi Zero Zeros, coprodotto con Bachelor, inizia esattamente come lascia intuire la presentazione che lo accompagna, con una simpatica e rumorosa arroganza alla New Bomb Turks e – ancor meglio – resta su quel binario per tutti i suoi 10 pezzi in circa 25 minuti. Definito l’approccio, la band di Karlsruhe ci va ancor più pesante e prende a piene mani dalle sonorità di John Reis (Hot Snakes, Drive Like Jehu, Rocket From The Crypt, Night Marches), ovvero l’uomo con il più alto numero di gruppi eccezionali nella storia contemporanea e tira fuori un suono davvero consistente. I pezzi? Ci sono pure quelli. ‘Dark Thoughts’, ‘Face Up The Mist’, ‘Black Paralysis’, ‘Television Suicide’ vi si inchiodano in testa e hanno quella strana vocazione che a un concerto vi spingerebbe a caricare a testa bassa il vostro vicino per abbracciarlo subito dopo al primo coro disponibile. Più Zero Zeros, meno di tutto il resto.
(Marco Capelli)

Submit a Comment