Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 25, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Frameworks ‘Smother’

Frameworks ‘Smother’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

FRAMEWORKS
‘Smother’-CD
(Deathwish Inc.)
7.5/10


Probabilmente “emotional hardcore” è un’espressione che nessuno avrebbe mai voluto esistesse, eppure eccoci qua col nuovo album dei Frameworks, pronti a superare le barriere semantiche macho-core e riportare in questo sottogenere la dignità che band come i Modern Life Is War imposero. Il gruppo di Gainesville, un paesone in mezzo alle paludi della Florida, si è già fatto apprezzare quest’anno con l’EP ‘Time Spent’, ma adesso è pronto al salto con questo disco, il primo sotto Deathwish. Si tratta di undici tracce caratterizzate dalla drammaticità che ci si può aspettare dallo stile dei Frameworks, molto vicino a quello dei Touché Amoré, in cerca costante della breccia che lasci innescare una cascata di emozioni. Gli ingredienti sono sempre quelli: chitarre melodiche, arpeggiate, trillate, spinte verso eteree atmosfere post rock, ma anche metalliche, senza mai essere troppo distorte, che non tralasciano l’energia e la potenza che serve ai crescendo per ottenere i climax emozionali, vero fulcro dell’album. Le ritmiche sfruttano una vasta gamma dinamica dettando i paragrafi che compongono le varie canzoni, e insieme al cantato costantemente in screaming non costituiscono un nucleo originale per un genere chiuso in se stesso, ma i Frameworks palesemente non puntano sulla ricerca, quanto sulla qualità dei suoni e sull’intensità della presa. In questo senso ‘Smother’ è un album assolutamente riuscito, lontano da derive post-adolescenziali e pacchianate varie, con anzi un gusto raffinato e delle melodie godibilissime che colpiscono nel segno, grazie anche ad una cura estrema dei suoni e dei dettagli. I singoli ‘Purge’ e ‘Tangled’ rappresentano al meglio l’intensità che comunque tutte le tracce riescono a rimandare, capaci di coinvolgere nell’infinito melodramma dell’emotional hardcore, in questo caso confezionato davvero con qualità.
(Francesco Banci)

6iYgWFPGc2XkRVx8gwJE5er6DexGlwd7-1U4LX974X6iwnQKQ6IzB3bTkO2tjwkV7k1n4kZdxtq6BldTgZVphJM_1pRe-plHLBh8wA=s0-d-e1-ft

Submit a Comment