Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 14, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

‘L’Odio’ dal 13 maggio di nuovo al cinema

‘L’Odio’ dal 13 maggio di nuovo al cinema
Salad Days

Grazie a Minerva Pictures e Rarovideo Channel, in collaborazione con Cat People, il capolavoro cult urbano di Kassovitz.

Minerva Pictures e Rarovideo Channel, in collaborazione con Cat People, riportano sul grande schermo, dal 13 maggio in oltre 150 sale italiane, ‘L’Odio’ di Mathieu Kassovitz, con Vincent Cassel, Hubert Koundé e Saïd Taghmaoui, film vincitore della Palma d’Oro per la Miglior Regia al Festival di Cannes nel 1995.

unnamed-5

Ventiquattr’ore nella vita di Vinz (Vincent Cassel), Hubert (Hubert Koundé) e Saïd (Saïd Taghmaoui), tre amici della banlieue parigina all’indomani degli scontri tra forze dell’ordine e civili dopo i quali un ragazzo del quartiere, Abdel, si ritrova in fin di vita a causa dei soprusi violenti della polizia. I tre, carichi di rabbia e con una pistola tra le mani, meditano su come avere giustizia. Attraverso scene diventate memorabili e iconiche – da Cassel che cita il De Niro di ‘Taxi Driver’ davanti allo specchio alla storia raccontata nei gabinetti – ‘L’Odio’ è diventato il punto di riferimento dell’immaginario metropolitano fin dalla sua uscita, un instant classic per tematiche e stile. L’ira di Vinz, la riflessività di Hubert e la buffoneria di Saïd ci guidano in un microcosmo senza eroi e senza miti, in cui convivono il quotidiano della periferia (in lingua originale quasi tutto il film è in slang) e una rabbia pronta ad esplodere da un momento all’altro, divisa tra smarrimento e vendetta, in un racconto continuamente oscillante tra obiettività e simbolismo. Percorrendo i contorni sfocati della giustizia ed esplorando le contraddizioni dei suoi protagonisti, Mathieu Kassovitz ha infatti catturato l’essenza degli squilibri sociali, trasformandola e andando a creare un film emblematico e universale, allo stesso tempo crudo e cool, sporco e ricercato.

unnamed-7

Rivedere ‘L’Odio’ oggi equivale a ritrovarsi davanti a un manifesto lucido e senza tempo che immortala questioni che dopo quasi trent’anni appaiono ancora più attuali. Il mantra “fino a qui tutto bene” che apre e chiude il film è ancora oggi una preghiera laica che racchiude insieme la speranza e la disillusione di ormai più di una generazione. Quest’anno Rarovideo, la divisione editoriale di Minerva Pictures che da anni è presente in veste digitale con Rarovideo Channel su Prime Video e The Film Club, celebra il suo 25° anniversario. Il restauro de ‘L’Odio’ è solo la prima delle tante iniziative che accompagneranno questo importante traguardo. La lista dei cinema che proietteranno L’odio sarà disponibile su catpeople.it e su tutti i loro canali social.

Submit a Comment