Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Pallbearer ‘Foundations Of Burden’

Pallbearer ‘Foundations Of Burden’
Salad Days

Review Overview

8.5
8.5
8.5

Rating

PALLBEARER
‘Foundations Of Burden’-Lp/CD
(Profound Lore Records)
8.5/10


Magnifico. Non ho altro aggettivo per descrivere questo nuovo lavoro dei Pallbearer. 6 pezzi imponenti, pachidermici, pieni di sfumature. Non vi basteranno 10 ascolti per catturare l’essenza di questo disco. Un monolite di rara bellezza, giocato su tempi dilati e rallentati, dominati da una voce calda e suadente, che canta come se stesse recitando una litania. I riff di chitarra sono languidi e avvolgenti, passano dalla pura melodia al muro di suono che rotola giù come una slavina. Sezione ritmica su livelli stratosferici, giocata su chiaro scuri coinvolgenti. E’ un gruppo incredibile, capace di creare piccole opere musicali multi stratificate, dando nuova linfa ad un genere mai sazio di sorprese. Sì, perchè i nostri suonano un doom rock sporcato di hard rock, figlio dei Black Sabbath come degli Earth. Sperimentano, dipingendo un quadro dalle tinte fosche e oscure, dove gli elementi si sposano e si mescolano in continuazione. Un suono contaminato da mille sfumature, in cui si pone l’accento su un coinvolgimento totale da parte dell’ascoltatore. Un viaggio onirico verso una terra dove tutto è sospeso nell’aria, dove il tempo ed il suo scorrere lento ed inesorabile non ha più senso. Ascoltando questi brani si ha come l’impressione di accedere ad un universo in cui tutto è ribaltato, in cui l’oscurità la fa da padrone. Un posto dove le preoccupazioni quotidiane vengono spazzate via, in cui prevale un senso di sospensione, in cui tutto viene azzerato, a parte le nostre emozioni più pure e profonde. Luci soffuse, un crescendo di pathos, un suono fuori dal tempo. Un grandissimo gruppo che ha sfornato una gemma di valore inestimabile. Fatevi rapire da queste melodie intense, ne tornerete appagati e rigenerati.
(Marco Pasini)

Submit a Comment