Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 25, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Elli De Mon ‘Elli De Mon’

Elli De Mon ‘Elli De Mon’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

ELLI DE MON
‘Elli De Mon’-CD
(Corpoc/Otis Recordings)
7.5/10


Senza farsi attendere molto ecco che torna una delle più intriganti voci della scena country-blues italiana (anche se i riferimenti scavalcano evidentemente l’oceano), che avevamo lasciato un annetto fa con l’interessante e.p. d’esordio ‘ Leave This Town’ (i cui tre pezzi sono riproposti anche in questo debutto sulla lunga distanza). La one-girl band vicentina ci offre in dono un disco spartano nei suoni (solo voce, chitarra slide e resofonica, sonagli, grancassa e poco altro), ma impressionantemente pieno nella resa finale, forse merito della produzione misurata e avvolgente di Bruno Barcella (Miss Chain & the Broken Heels) e Alessio Lonati (Le Case del Futuro), che hanno partecipato con qualche minima aggiunta (banjo, basso, organo, tamburello) rimanendo però sempre nell’ombra, com’è corretto che sia. L’album guada la melma delle paludi a stelle e strisce con undici brani che sembrano in parte recuperati dalla tradizione del Delta del Mississippi e in parte nuove litanie folk-blues, polverose e figlie del voodoo. Tutte, da ‘Spell’ a ‘Call Me’, passando per il rock’n'roll di ‘Devote’ e la psichedelia di ‘Ratri’, testimoniano la grande capacità di songwriting e l’ancor più grande pathos interpretativo di quest’artista, la quale pare una cantastorie sfuggita allo scorrere del tempo. Affascinante.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment