Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 14, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Fontaines D.C. ‘Dogrel’

Fontaines D.C. ‘Dogrel’
Salad Days

Review Overview

8.5
8.5
8.5

Rating

FONTAINES D.C.
‘Dogrel’-LP
(Partisan)
8.5/10


Colpo di fulmine! L’esordio dei dublinesi Fontaines D.C. ‘Dogrel’ è sicuramente da annoverare tra uno dei migliori ascolti degli ultimi anni, si tratta anzitutto di un sensazione fisica che parte da quella zona che sta tra pancia e cuore e poi sale in gola fino ad espandersi e perdersi nella scatola cranica. La qualità dei brani è così alta che non sto qui a pensare a quale voto dare a fine recensione, i Fontaines D.C. sono fondamentalmente una band (post) punk di quelle che non hanno perso un briciolo di attitudine e senso di vita, quella che appartiene alla working class, quella di chi guarda la vita dal basso verso l’alto e che vive la quotidianità e poi, soprattutto, è come se la band dei Fontaines D.C. ti leggesse nella mente e sapesse benissimo quali tasti toccare nell’ascoltatore. Sono soprattutto i giri di basso che ti si conficcano in testa e quella voce che recita e declama severa, di cui Mark E. Smith è stato sicuramente maestro, qui, poi, più che accostarli ai recenti Idles, io metterei di mezzo sicuramente i Joy Division e i Young Marble Giants per le sfumature dolorose e poetiche cui la musica dei Fontaines D.C. si tinge. In sostanza un lavoro che apparentemente vive in luoghi distanti dai nostri, ma fortemente vicino come pensiero e stile di vita, come una notte in un pub a chiacchierare e bere fino all’alba in compagnia di amici. A questo punto l’unica data italiana l’11 agosto all’Ypsigrock in Sicilia diventa un appuntamento imperdibile.
(Giuseppe Picciotto)

Submit a Comment