Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 20, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Inaugurazione di ‘Walk The Line’, personale di Albertism, presso Hobo Spazio Urbano a Modena

Inaugurazione di ‘Walk The Line’, personale di Albertism, presso Hobo Spazio Urbano a Modena
Salad Days

Sabato 9 Settembre presso Hobo Spazio Urbano in via Carteria 104 a Modena, all’interno del progetto Dedalo dell’Ass. Cult. Stoff, a cura di Domiziana Febbi.

Dal 9 settembre al 7 ottobre apre i battenti la mostra ‘Walk The Line’, di Albertism (Roma, 1982), quarto appuntamento di Hobo Spazio Urbano di Modena. Per Marc Augè, la ferrovia come le stazioni sono un non luogo, una terra di mezzo abitata solo transitoriamente. Per Albertism la ferrovia è una meta, è il luogo intimo che abita fin dall’adolescenza, che chiama casa. Solo in pochi casi questo luogo assume un valore differente da quello comune e si rivela soggettivo e privato. Quello di Albertism è uno di questi, per lui la ferrovia è un campo di ricerca, la fonte da cui attinge emozioni, visioni e materiali. Ogni elemento del suo lavoro è plasmato per restituire al di fuori le suggestioni di quell’ambiente, in forma di immagini e di installazioni. Vivere la ferrovia come luogo d’elezione significa far parte di una nicchia ristretta che sviluppa un’affezione per le superfici metalliche, per i sassi e per il rumore che producono sotto i passi, per il legno brunito dalla polvere e dal grasso, per il suono stridente dei treni che frenano e per i loro sbuffi improvvisi. I treni, mezzi imponenti che tutt’ora ci affascinano, sono il vettore della ricerca di Albertism, il motivo della sua presenza in ferrovia. Con il tempo il focus della sua indagine si è mosso dell’interazione con i treni, all’osservazione della ferrovia e di ciò che la compone: rotaie, traversine, segnali, luci, etc. Dai primi 2000 l’artista sviluppa il suo stile ma solo intorno al 2018 usa la strategia del détournement per esprimere questo rapporto, incidendo sui segnali ferroviari e sulla latta dei colori spray, i paesaggi e gli elementi che l’hanno attratto in quel contesto. Quel
linguaggio fatto di colori, font ed elementi grafici gli è familiare, in continuità con la sua formazione da graphic designer. In un processo inverso a quello che per anni l’ha attirato in ferrovia, alla deriva situazionista, ora l’artista restituisce con le sue opere questo
bagaglio di esperienze e suggestioni. In tutte le sue fasi la ricerca di Albertism è fondata sull’effimero e il paradossale rischio di rivendicare la propria esistenza e metterla per inciso. Le immagini come cartoline giungono da un mondo di cui solo alcuni conoscono l’odore, in cui la necessità di lasciare una traccia si traduce in opere uniche nel loro genere, in una produzione copiosa di lavori su metallo, in soluzioni compositive che danno vita a oggetti d’arte tecnicamente raffinati e di alta fattura artigianale.
(Domiziana Febbi)

ALBERTISM (1982)
Writer, incisore e pittore, con esperienza nel trattamento di materiali diversi, spazia dalla terracotta a metalli riciclati (ferro, rame, zinco e latta stagnata), sperimenta ossidazioni e incisioni di pellicole di colore acrilico su lamiera. Si colloca artisticamente nel mondo del
post-graffitismo sperimentando incisioni e sculture di scarti provenienti dalla ferrovia. Negli anni realizza diversi murales su commissione sia in Italia che all’estero, collaborando con amministrazioni comunali e associazioni culturali.

Mostre:
Mostra (personale) Ruggine – Arte Ferrovia 2023 | Bari
Mostra (personale) FerroVia | Roma
Mostra (collettiva) Level Art Gallery | Roma
Pubblicazioni:
Editore e curatore della Fanzine Buona La Prima – Anno 2020 
Editore e curatore della Fanzine Youmuve – Anno 2020
Editore e curatore del libro d’arte ‘Cives Aeterni’ – Anno 2017
Curatore della sezione Writing del mensile ‘Revolt’ – Anno 2009

HOBO SPAZIO URBANO
Lo spazio di via Carteria 104, affidato dal Comune di Modena – Assessorato alla Cultura attraverso il Bando pubblico “Carteria 26+104” all’Associazione Culturale Stoff con le progettualità e le finalità del progetto Dedalo, motore di un’azione progressiva di
rigenerazione urbana e sociale in una zona del centro storico di Modena, ha riaperto le porte alla città grazie a una ricca programmazione artistica e culturale. HOBO – Spazio Urbano è la veste con cui lo spazio si presenta al pubblico, grazie alla preziosa collaborazione con Gianmario Sannicola, a cui viene affidata la cura della programmazione artistica dello spazio, e a URBANER – Culture Urbane Emilia-Romagna, progetto nato nel 2020 dalla volontà dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Modena di riconoscere e valorizzare le culture che si formano in ambito urbano e che, in una prospettiva estetica, sociale e antropologica, generano talenti e tendenze in diversi campi.

Info Mostra
Titolo: ‘Walk The Line’
Artista: ALbertism
Luogo: Hobo Spazio Urbano, via Carteria 104, 41121 Modena
Curatore: Domiziana Febbi
Vernissage: Sabato 9 settembre ore 19.00
Durata mostra: 9 settembre – 7 ottobre

Submit a Comment