Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 14, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Pastel/Merridew ‘Split’

Pastel/Merridew ‘Split’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

PASTEL/MERRIDEW
‘Split’-12″
(Flood/Voice Of The Unheard/Monday Morning/La Fine/Don’t Live Like Me/Zegema Beach/Shivery MMXII Productions/Glass Of Spit/Alcoves/Upwind And Go Away)
7.5/10

È più lunga la lista delle etichette indipendenti coinvolte che il minutaggio, in questo split 12 pollici. Ma è nella filosofia di questi bei prodottini underground avere supporto diffuso e permettere di fare rete. Due le band che si incrociano tra i solchi del vinile: i Pastel si configurano come un trio (di origine barese) che elargisce una sferzante dose di post-punk/screamo più o meno istintivo e certamente accorato. Tracce di una certa brevità, con ‘Momento Nove’ che sbatte ansiosa come un pesce fuor d’acqua (nonostante qualche intermezzo di quiete) e ‘Laminal’ che progredisce in maniera più sofferta e tormentata. Bel materiale, senza se e senza ma. I Merridew, invece, arrivano dal Regno Unito (Midlands, per la precisione) e sono un gruppo strumentale che si muove in coordinate più emo(tive) e post-rock. ‘The World Humming Under It’s Breath’ conquista il premio di brano più coinvolgente, senza inventarsi niente di nuovo, ma convincendo attraverso disciplina ed equilibrio. Composizioni di elevato valore, che hanno l’intento (probabilmente) di rappresentare due diverse regioni europee legate tra loro da un modo di concepire la musica molto più unitario di quanto si possa immaginare. Gli amanti del post-qualcosa, comunque, non avranno di che lamentarsi.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment