Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 22, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Vomit Of Doom ‘Obey The Darkess’

Vomit Of Doom ‘Obey The Darkess’
Salad Days

Review Overview

8.5
8.5
8.5

Rating

VOMIT OF DOOM
‘Obey The Darkess’-CD
(Satanath)
8.5/10


Non posso fare altro che inchinarmi di fronte questo gruppo argentino, fautore di un primitivo, basilare e volgare black/thrash. Sono gruppi come questi che rinnovano la mia fede nell’heavy metal più satanico e rozzo. Prendete i primissimi Sodom e Kreator, mischiateli con i Venom, aggiungete una spruzzatina di Slayer vecchissima scuola, amalgamate il tutto et voilà, avrete i Vomit Of Doom. Già quando lessi il nome sul promo, avevo già capito che sarebbe stato amore a prima vista. Ed in effetti, così è stato. Putrescente e sboccato thrash metal primordiale sporcato di black metal altrettanto primordiale, voce vomitata, riffing basilare, batteria e basso dediti solo ed esclusivamente al più sordo e cieco martellamento. Questi sono i Vomit Of Doom. Non c’è melodia, non c’è virtuosismo, non c’è nulla se non puro odio e abnegazione verso Satana e le sue depravazioni. Pezzi come ‘Metal Pussy Attack’ oppure ‘Kill The New Meassiah’ sono di quanto più zozzo e brutale ci possa essere oggi in campo estremo. Scordatevi la pulizia di certo metal moderno, scordatevi grafiche scintillanti: no, qui il tempo si è fermato al 1986, quando dominavano solo violenza, borchie e pelle. Registrato lo fi (molto probabilmente in presa diretta), questo disco è il tripudio e la celebrazione dello schifo umano, del sangue e delle budella. Ancora una volta l’America del Sud ci dimostra come il vero metal alberghi da quelle parti. Hail Satan! P.S.: l’unica pecca? Esce solo su cd… urge che qualche invasato lo stampi su vinile!
(Marco Pasini)

Submit a Comment