Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | June 13, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Crawling Chaos ‘Repellent Gastronomy’

Crawling Chaos ‘Repellent Gastronomy’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

CRAWLING CHAOS
‘Repellent Gastronomy’
(Memorial Records/Andromeda)
7.5/10


Hanno atteso parecchio questo momento i Crawling Chaos, attendendo con freddezza la loro chance senza dare troppo nell’occhio. Oggi finalmente è il loro momento e non c’è che dire è stata un’attesa lunga ma ne è valsa sicuramente la pena! ‘Repellent Gastronomy’ se pensato in chiave gastronomica potremmo paragonarlo a piatti prelibatissimi in salsa death metal, un disco che suona moderno e tecnico quanto basta ad avvicinare a sé sia i metallers vecchia scuola bisognosi di soluzioni strumentali da strapparsi i capelli che le nuove leve alla costante ricerca di brutalità gratuita. Attenzione però a non etichettare i Crawling Chaos come la classica band usa e getta: questi musicisti oltre a possedere una invidiabile tecnica hanno dalla loro idee e soluzioni che potrebbero aprir loro nuovi orizzonti per il futuro dato che – fortunatamente – in ‘Repellent Gastronomy’ non è solo il death metal a essere protagonista. C’è del brutal, del black e persino del thrash, il tutto estremizzato e reso il più cupo possibile. Ascoltatevi ‘Plate XII’ o la dinamitarda ‘Let The Vultures Sing Our Deeds’ e vediamo se l’headbanging non si impossesserà di voi! La produzione è un altro punto a favore, ben calibrata tra il dare risalto a chitarre, sezione ritmica e voce senza alti e bassi. La varietà di soluzioni è imbarazzante, cosa che permette a ‘Repellent Gastronomy’ di esprimersi in tutta la sua violenza senza particolari intoppi e di posizionarsi di diritto tra le migliori produzioni estreme del 2013!
(Arturo Lopez)

Submit a Comment