Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 19, 2024

Scroll to top

Top

No Comments

Insanity Reigns Supreme ‘Unhortodox’

Insanity Reigns Supreme ‘Unhortodox’
Salad Days

Review Overview

5.5
5.5
5.5

Rating

INSANITY REIGNS SUPREME
‘Unhortodox’-CD
(Shiver)
5.5/10


Ogni volta che apro le cartelle contenenti gli album da recensire, la prima cosa che faccio è dare un’occhiata alle foto dei gruppi di cui andrò a scrivere. Questo giro mi son preso quasi un colpo: 5 soggetti vestiti da prete, in una chiesa, che mi guardano fissi. L’aspetto non conta nulla, però mi hanno impressionato. Comunque, passiamo alla musica. I nostri 5 belgi giungono al quinto lavoro, e suonano un black metal venato di death. Non mi hanno particolarmente colpito a dirvela tutta. I suoni sono molto moderni, puliti e definiti. Non c’è assolutamente niente del marciume che invece dovrebbe contraddistinguere i gruppi che si cimentano in questo tipo di suono. I pezzi si susseguono a rotta di collo, con bordate di blast beat, voce gutturale e ogni tanto l’incursione di una voce femminile (tale Claudia Michelutti, voce dei Valkyre, gruppo a me completamente sconosciuto) nei momenti più rilassati e melodici. Musicalmente il combo dimostra grande padronanza dei propri mezzi. I pezzi sono eseguiti alla perfezione, ma quello che manca è la genuinità dell’insieme. Il suono è molto “freddo”, ma non quel “freddo” tagliente di gruppi come i primi Marduk, Mayhem oppure gli Inquisition o ancora i Mystifier. Qui la freddezza è dovuta alla registrazione, troppo asettica ed asciutta, in cui tutto suona costruito. Certo, nei momenti in cui i blast beat la fanno da padroni sono apprezzabili, ma quando eccedono negli stacchi melodici sono pallosi. Diciamo che sono un gruppo nella media, non sono male ma non sono di certo esaltanti. Personalmente, se dovessi inserirli nella mia “lista spese” si collocherebbero nelle ultime posizioni. Ma forse non ci entrerebbero neppure, visto che questo nuovo lavoro uscirà solo su cd. Roba da metallari con i cargo camouflage larghi infilati dentro agli anfibi (L’80% del pubblico dei Cannibal Corpse, vero Marco?). Amen.
(Marco Pasini)

Submit a Comment