Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 20, 2024

Scroll to top

Top

Highlights

STRIKE ANYWHERE @ LEGEND CLUB, MILANO – RECAP

October 13, 2023 |

“E’ dal 2008 che non suoniamo in Italia” mi dice Thomas, cantante degli Strike Anywhere…

…dopo avermi firmato la mia copia del loro classico del 2003, ‘Exit English’, e il loro lavoro più recente, l’ottimo ‘Nightmares Of The West’, uscito nel 2020 per Pure Noise Records. Ne è passato di tempo. 13 anni.

riga4111

In effetti, da quando ho messo piede fuori dalla macchina l’atmosfera di attesa al Legend Club era palpabile. Fan da tutta Italia arrivati per vedere la band ricordavano i concerti dei primi anni 2000, i più memorabili fra tutti, quelli ai due Deconstruction Tour (2004 e 2005). Forse perché sono stati quelli dove molti li hanno scoperti. Tra il pubblico c’è anche tanta curiosità su che tipo di scaletta faranno. Anche perché qualche giorno prima della data milanese, girava voce che questa data forse non si sarebbe fatta a causa dell’infortunio al polso destro di Eric, il batterista storico della band. Fortunatamente, la sera prima mi giunge voce dall’amico Simo Rancid che è stato trovato un sostituto, niente meno che Alex Gavazzi dei Thousand Oaks. Conoscendone la bravura dai tempi dei Jet Market sono certo che il concerto sarà qualcosa di speciale.

riga4096

Messi via i dischi autografati entriamo nel locale giusto in tempo per vedere aprire le danze gli Stanis, trio hardcore melodico di Bologna, che spicca per i suoi pezzi dai ritmi ultra-serrati e gli stacchi sempre super tight. Il loro up-tempo, le melodie orecchiabili e i bellissimi arrangiamenti che ciascun membro della band mette in mostra nel corso del loro set sono un perfetto mix per scaldare i motori prima degli Strike Anywhere. Finito l’ottimo set degli Stanis, arriviamo al momento che tutti stanno aspettando.

riga4179

Dopo un cambio palco durato qualche minuto in più del previsto, i ragazzi di Richmond salgono sullo stage e partono a tutta velocità come se tutti questi anni non fossero mai passati. La band infatti apre con ‘Refusal’ ed è subito Deconstruction Tour 2005, un pogo vivo ed energico che canta assieme a Thomas che fa da arringatore della folla dando il microfono al pit per tutti i momenti di singalong sempre presenti nei loro pezzi. Il livello di energia non scende passando poi alla loro hit, ‘I’m Your Opposite Number’, pezzone tratto dall’ultimo full length, ‘Iron Front’, e subito dopo alla bombetta old school, ‘Chorus Of One’, che prende tutti di sorpresa facendo esplodere la folla sull’onda delle parole “To live in discontent! Anti-establishment!”.

riga4222

Il set prosegue senza mai lasciare un attimo di respiro, merito anche di Alex Gavazzi che supera ogni aspettativa e di Brian Forst, seconda chitarra che si è unito alla band per questo tour, arrivato preparatissimo e preso benissimo su ogni singola nota e coro fatto durante il concerto. Matt, chitarrista solista, e Garth, bassista, saltano su ogni stacco come fanno da più di 20 anni tenendo sempre alta l’attenzione e la presa bene di tutti nel pogo. È chiaro che la band è molto fiera dell’ultimo EP, ‘Nightmares Of The West, e ne suona ben 4 pezzi su 7. Ma, a differenza di quando di solito una band con una carriera ultraventennale alle spalle suona materiale nuovo, si capisce subito che il pubblico è ben felice di sentire le novità. Infatti, ci sono momenti di altissimo coinvolgimento su ‘Imperium Of Waste’ (forse mio pezzo preferito del disco) e ‘Bells’.

riga4183

Il set a livello di scelta di pezzi è perfetto, essendo un bel mix della loro discografia. Forse avrebbero potuto fare qualche pezzo in più da ‘Dead Fm’, il loro unico disco uscito per Fat Wreck Chords. I due pezzi, ‘Sedition’ e ‘Allies’, sono stati tra i momenti più carichi di emozioni ed energia da parte di tutti in sala. Molti si aspettavano però il grande anthem di quel disco, ‘Instinct’, che invece mancava dalla scaletta. Ma andandomi a fare un giro su Setlist FM ho notato che non viene suonata da un po’. Molta importanza è stata data, giustamente, ai pezzi della loro era Jade Tree, infatti il set si chiude con la tripletta ‘Sunset On 32nd Street/We Amplify/Blaze’ e qui è difficile trattenere le emozioni.

riga4118

L’intero Legend si unisce agli “I’m Not Resisting You” dell’inno contro i soprusi della polizia americana e ai classici “Human Pollution!” di ‘We Amplify’. Dopo ‘Blaze’ la band si ritira brevemente per poi regalarci l’altra hit di ‘Exit English’, ‘Infrared’, e la closer di ‘Change Is A Sound’, ‘My Design’, che a ‘sto giro fa da closer della serata.

riga4160-2

Concerto finito, dopo che Brian e Matt mi donano gentilmente i loro bellissimi plettri, mi dirigo verso il merch. Il banchetto degli Strike Anywhere ha solo due maglie in esposizione una long sleeve e una maglia rossa a maniche corte con le date del tour. Ovviamente, per ricordo, scelgo la seconda e prendo, su consiglio di Gippi dei Leisfa, il cd degli Inquisition, gruppo di Thomas pre Strike Anywhere. Un classico della scena di Richmond. A fine serata c’è un’atmosfera magica, il pubblico è felicissimo di quello che ha appena testimoniato e la band è altrettanto felice ma anche, a detta loro, un bel po’ sorpresa di quanto sia andata bene. Dopo qualche chiacchiera con Matt che mi dice che spera non passi così tanto tempo tra questa e la loro prossima data in Italia e un sentito ringraziamento a Thomas, saluto qualche amico e mi dirigo verso casa.

riga4210

Ovviamente avrei voluto vedermi ‘When The Lights Go Out’, canzone con cui hanno aperto il loro set al Deconstruction 2005, e ‘Extinguish’, la mia canzone preferita di ‘Exit English’, però con una discografia così ricca di pezzi di altissimo livello non ci si può lamentare. Si può solo sperare che continuino a fare nuova musica e che tornino presto in tour. Viva gli Strike Anywhere. Grazie a Hub Music Factory per avere organizzato e a KINDA per l’invito a recensire lo show.

dscf3120

(Testo: Persimmon Collective; Pics Rigablood x Salad Days Mag – All Rights Reserved)

To The Max! ‘Me Against The World’ guarda il video in esclusiva

September 15, 2023 |

Se avete un debole per i power trio, siete nel posto giusto. Se poi un incredibile ibrido tra rock’n'roll, punk e spruzzate di doom vi incuriosisce, allora avete trovato pane per i vostri denti.

To The Max!, giovane band veneta nata nel pieno della pandemia ha pensato bene di contrastare le “bad vibes” di quel periodo buio a suon di ritmiche martellanti, riff, assoli e tonnellate di decibel. Gli ingredienti sono promettenti e il full length di debutto della band si annuncia nel migliore dei modi, con un singolo incendiario. Tra i prodotti di questa fucina infernale infatti troviamo il nuovissimo singolo ‘Me Against The World’, un brano intenso e sparato a mille che in tre minuti e quaranta secondi promette di non fare prigionieri e invita l’ascoltatore ad abbandonarsi ad un inevitabile head-banging. Il singolo, accompagnato da un video a cura di Francesco Corso viene così commentato dalla band:

“Sicuramente si tratta di uno dei brani più rappresentativi della band, dove si possono sentire molte delle nostre influenze, sia nella musica che nelle parole. Nel testo infatti i più attenti potranno scovare citazioni alle band che più ci hanno ispirato nello scrivere musica. La canzone è nata in un momento di rabbia e frustrazione durante il quale sentivamo la necessità di gridare contro il mondo e ciò che ne è nato è questo inno alla musica”

Il singolo è disponibile, oltre che su Youtube come videoclip, su tutte le piattaforme digitali. La band festeggerà l’uscita del singolo con un’apparizione live al Cimix Festival di Verona, proprio Venerdì 15 Settembre: sarà l’occasione per ascoltare ‘Me Against The World’ dal vivo.

CYPRESS HILL @ AMA FEST, ROMANO D’EZZELINO (VI) – PHOTORECAP

August 26, 2023 |

CYPRESS HILL @ AMA FEST, ROMANO D’EZZELINO (VI) – PHOTORECAP

Pictures by Martino Campesato x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

_stf1792

_stf1848

_dsc3469

_dsc3549

_dsc3562

_dsc3589

_stf1702

_stf1753

_stf1779

_stf1796

_stf1847

_stf1850

_stf1876

_stf1957

_stf2107

COLLE DER FOMENTO @ AMA FEST, ROMANO D’EZZELINO (VI) – PHOTORECAP

August 26, 2023 |

COLLE DER FOMENTO @ AMA FEST, ROMANO D’EZZELINO (VI) – PHOTORECAP

Pictures by Martino Campesato x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

_stf1556

_stf1469

_stf1503

_stf1517

_stf1539

_stf1566

_stf1592

_stf1691

_dsc3391

_dsc3404

_stf1671

PUNK ROCK HOLIDAY 2.3 @ TOLMIN, SLOVENIA – RECAP

August 21, 2023 |

Il Punk Rock Holiday è uno di quei festival estivi che ha saputo costruirsi lo status di culto in anni, merito anche di un senso di comunità che lo porta ogni anno ad essere sold out ancora prima che ci sia una line up fuori.

Ma anche della location, il piccolo paesino di Tolmin in Slovenia, con concerti e campeggi immersi nel bosco che dà sul fiume Soča (il nostro Isonzo), circondati da colline e montagne, un aspetto che colpisce positivamente anche tutti i gruppi che ci suonano. Un festival pure baciato dalla fortuna, perlomeno quest anno, visto che è stato uno dei pochi a salvarsi dalle alluvioni che hanno purtroppo colpito la Slovenia, segno che il Punk Rock Holiday s’ha da fare e manco il maltempo può fermarlo. Per il sottoscritto sono stati 6 giorni di presenza, 5 di musica e notti semi insonni a causa di tedeschi urlanti in campeggio. Ma andiamo con ordine.

authority-zero

satanic-surfers

WARM UP SHOW

Il giorno 0, la giornata non ufficiale, ovvero il concerto per chi è già li che campeggia o arriva prima. Aprono la giornata i tedeschi Heathcliff a cui spetta il compito di aprire le danze. Il loro skatepunk fortemente debitore di quello anni 90 con spruzzate metal piace e fa muovere i già numerosi presenti assetati di concerti. Seguono i polacchi CF98, non dei novellini del festival, freschi di album su Sbam!. Voce femminile e punk rock melodico, non si può sbagliare, promossi pure loro. Dopo di loro è il momento di un altro gruppo “storico” del PRH, ovvero i tedeschi Straightline. Il loro ibrido di skatepunk e crossover thrash alza l’asticella con accelerazioni e melodie assassine, sempre un piacere rivederli dal vivo. Seguono i Booze & Glory con il loro street punk dalle venature oi! che coinvolgono appieno un pubblico che si sta già scaldando alla grande. Gli Authority Zero invece rubano definitivamente lo scettro agli Anti Flag di gruppo che ha suonato più volte al festival, sono praticamente il gruppo di casa. E c’è un motivo per cui vengono chiamati in continuazione: sono un gruppo che da tutto sul palco e lo sa tenere a meraviglia. Metteteci anche il fatto che il loro punk rock melodico è di pregevolissima fattura e avrete la chiusura del cerchio. Arriva anche il turno dei veterani Dog Eat Dog, chiamati in fretta e furia a sostituire i H2O che hanno dovuto cancellare il tour per problemi di salute di Rusty Pistachio. Gli americani incarnano e rappresentano lo spirito di certa musica degli anni 90, cosa che trasuda nei loro classiconi che fanno saltare tutti i presenti. Forse un po’ meno decisi sui pezzi nuovi, ma tutto sommato una buona esibizione. A chiudere la serata un altro pezzo da novanta, ovvero gli svedesi Satanic Surfers. Da quando Rodrigo è tornato fisso dietro le pelli i concerti del gruppo sono diventati una goduria, con il quartetto che pesca a piene mani dalla loro discografia, dall’ultimo ‘Back From Hell’ fino agli esordi di ‘Skate To Hell’. Magari qualche classico in più sarebbe stato gradito, ma chi sono io per lamentarmi? In fondo rimangono uno dei miei gruppi preferiti e mi godo ogni loro concerto che posso permettermi. Si chiude così la prima sera, non prima di cadere sotto le urla belluine dei tedeschi in campeggio e della loro techno teutonica. Domani sarà un giorno migliore.

agnostic-front

dropkick-murphys

the-slackers

DAY 1

Il primo giorno ufficiale del PRH segna anche l’esordio dei concerti in Beach Stage. Un esordio malinconico visto il divieto di balneazione nel fiume dovuto a fanghiglia e forti correnti, che ha privato di qualche giorno il colore di bagnanti e gonfiabili vari. Ammetto di aver snobbato un po’ il beach stage quest’anno, un po’ per impegni in zona press e un po’ per mancanza di dono dell’ubiquità, quindi mi scuso con tutti quei gruppi che avrebbero meritato un po’ di esposizione. Non del tutto una tragedia perché se andate sulla pagina ufficiale del PRH troverete i video delle dirette di ogni esibizione di ogni gruppo. Non male eh? Degne di nota le esibizioni dei tedeschi Melonball (nome scelto in onore del drink ufficiale del festival), skate punk con voce femminile, le quattro sorelle inglesi delle Maid Of Ace con il loro punk rock grintoso e ruvido, e i Urethane dello skater Steve Caballero, con il loro OC punk di chiara matrice californiana. Salendo in zona main stage iniziano anche i set acustici presso lo stand della American Socks. Mike Rivkees dei The Rumjacks prima e soprattutto Nad Savarino dei Wasei ci deliziano con due ottimi piccoli set. Non male considerando che Nad ha avuto il compito improvviso di riempire lo slot lasciato vacante dal ritardo dei The Slackers. Un po’ di orgoglio nostrano non guasta mai. Ad aprire le danze sul main stage ci sono i Buster Shuffle. Il quartetto londinese aveva già suonato qualche anno fa al festival, ma per la prima volta mi hanno fatto drizzare le orecchie. Ska 2Tone rinfrescato e suonato in maniera energica, con quel forte accento inglese che mi manda sempre fuori di testa. The Rumjacks li ho saltati per rifocillarmi in tranquillità, ma avendoli visti in chiave acustica mi sento meno in colpa hahahah. Altro gruppo che attendevo con trepidazione sono i newyorkesi The Slackers, gruppo ingiustamente forzato nella terza ondata ska degli anni 90 ma che ha saputo costruirsi un proprio sound e fama grazie anche alle uscite su Hellcat Records. La loro miscela di ska/rocksteady/reggae/blues non sarà propriamente da festa e perfino moscia per alcuni, ma cavolo se lo fanno bene e con quella voce Vic Ruggiero può far quel che vuole. Si capisce che mi sono piaciuti? Seguono gli Agnostic Front con un’esibizione energica senza infamia e senza lode, almeno stavolta si sente la voce di Roger e sanno come tenere bene il palco. Troppe smetallarate per i miei gusti, ma mi accontento della foto fatta assieme a zio Stigma qualche ora prima. A chiudere la serata ci pensano i Dropkick Murphys, combo celtic punk di Boston. Un gruppo che ho smesso di ascoltare da anni ma che non ho mai avuto occasione di vedere dal vivo, quindi la situazione è ghiotta. A differenza di tutti i presenti che hanno ballato e pagato per tutto il set, la mia avversità verso il celtic punk e la mancanza di Al Barr alla voce hanno fatto si che me li godessi poco, se pur riconoscendo la grandezza del gruppo e la loro enorme presenza scenica. Le forze sono anche allo stremo, quindi per questa sera i tedeschi in campeggio non mi avranno.

frank-turner-the-sleeping-souls

me-first-the-gimme-gimmes

DAY 2

Quarto giorno a Tolmino, terzo per quel che riguarda i concerti. Pian piano il corpo inizia ad adeguarsi alla vita da camping tra colazioni in città, chiacchierate con gli amici e un altro giorno pieno di gruppi in vista. Da segnalare sul Beach Stage i You Nervous? dal Belgio con il loro skatepunk melodico, stesso genere degli svedesi Rebuke per chiudere con il punk rock melodico dei veterani Antillectual dall’Olanda, freschissimi di nuovo album. Ad aprire le danze sul main stage ci pensano i californiani Scowl, uno dei gruppi più freschi e chiacchierati del momento. Una delle esibizioni che attendevo di più, visto che l’anno scorso ho avuto di vederli davanti ad una 70ina di persone al Vennster 99 a Vienna ed ero curioso di vedermeli all’opera su un palco grande. Un’attesa più che ripagata visto il set proposto dai quintetto: energico, graffiante, coinvolgente. Meritano tutto l’hype che ruota loro attorno e chi dice che sono solo un gruppo costruito per far successo non capisce proprio un cazzo. A seguire un altro gruppo che non vedevo l’ora di vedere, ovvero i Cigar dall’Oregon. Un gruppo che a fine anni 90 ha avuto un cult following con l’unico album fatto uscire su Theologian Records per poi scomparire e riaffiorare 20 e passa anni dopo con un disco su Fat Wreck Chords. Skate punk tiratissimo, melodico e tecnicissimo. Roba da rimanere a bocca aperta. Tempo di una tranquilla pausa cena per poi tornare sottopalco a seguire l’esibizione di Frank Turner assieme ai fidi The Sleeping Souls. Che dire? Un’esibizione da 10 lode per la scaletta proposta, l’energia, il carisma e la capacità di tenere il palco con la classe del veterano che è. Davvero un’esibizione favolosa e lui persona davvero simpatica e umile, tenete d’occhio questo sito che presto trascriverò l’intervista che ho fatto con lui. Il compito di chiudere la serata spetta ai Me First And The Gimme Gimmes e si sa che quando suonano loro il bordello è assicurato. Con il solo Spike Slawson della formazione originale, spiccano come turnisti John Reis (Rocket From The Crypt, Drive Like Jehu, Hot Snakes) e CJ Ramone. Il loro set è una festa dall’inizio alla fine, cover dopo cover a coinvolgere tutto il pubblico. Essendo la mia prima volta con loro mi sarei aspettato altre cover e tolto altre, ma chi sono io per lamentarmi? La serata poi si conclude tra il dj set punk rock al Hangar e quello più vario alla sala Tropicana, per poi muoversi lentamente verso il campeggio per tentare di dormire.

bad-cop-bad-cop

diesel-boy

pennywise

DAY 3

Terzo giorno ufficiale, il corpo regge bene, la mente entra in una leggera disconnessione spazio temporale. C’è tempo per riposare e ripigliarsi. Sulla carta il giovedì è probabilmente la giornata più skatepunk delle quattro e nonostante la fatica inizi a farsi sentire, ci sono forze abbastanza da andare giù al Beach Stage per una nuova carrellata di gruppi, tra cui spiccano gli skatepunkers Teresa Banks, stanziati in Finlandia ma che annoverano un italiano e uno spagnolo nel gruppo, The Venomous Pinks da Phoenix Arizona con il loro punk ibrido di TSOL/ Joan Jett/ Bikini Kill e a chiudere i californiani Versus The World, orfani del chitarrista Chris Flippin (Lagwagon) fermato qualche giorno prima a Stoccarda da un piccolo infarto e tenuto a riposo e sotto ossevazione. Un augurio di pronta guarigione a chi ha dato tanto alla comunità skatepunk. Il main stage oggi è una rassegna di vecchie di gruppi gloriosi. I primi a salire sul palco sono i Diesel Boy e per il sottoscritto è un tuffo al cuore visto che mai mi sarei aspettato di vederli in vita mia essendomeli persi nella loro golden era. Invece sono tornati con un nuovo album e in scaletta propongono anche i pezzi nuovi, ma sono le vecchie hit a scatenare i presenti sottopalco. Groppo in gola e via, chapeau. A seguire il gruppo che forse meno ti aspetteresti ad un festival simile, ovvero i Scream da Washington DC. Si proprio quei Scream ricordati più per la militanza di Dave Grohl nelle loro fila più che per gli album bellissimi usciti su Dischord. Certo non avranno la freschezza e la velocità degli anni migliori ma riescono comunque a coinvolgere un pubblico che non li ha propriamente nelle loro corde. E qui si vede la grandezza di una band. Dopo di loro è il turno delle Bad Cop Bad Cop e cazzo che gran concerto che han fatto: le quattro suonano davvero bene, melodie al posto giusto, setlist perfetta, gran coinvolgimento del pubblico, insomma tutto quello che ti aspetti da un concerto della madonna. Chapeau. I Good Riddance sono stati quelli che mi hanno convinto di meno in tutta la giornata. Ineccepibili a livello strumentale, la voce di Russ Rankin era un po’ sottotono e mi ha fatto storcere il naso. Ma le giornate no capitano a tutti e mi sono fatto la mia buona scorta di concerti del quartetto negli anni che non mi son perso niente. Invece i Pennywise, che avevo visto sottotono le ultime volte in concerto, a mio modesto parere hanno fatto un set della madonna. Belli compatti, i pezzi suonati con potenza, pubblico in delirio. Qualche mini cover dei Nofx, Minor Threat suonata assieme agli Scream e l’immancabile Bro Hymn che per quanto ormai stucchevole riesce ancora a prendere il cuore alla gente causando una nuova epica invasione di palco e coro che va avanti anche quando il gruppo lascia il palco. Un’altra giornata se n’è andata, after party evitati come la peste, i tedeschi in campeggio sono ormai in una dimensione a parte.

jaya-the-cat

pigs-parlament

toy-dolls

DAY 4

Ebbene si, siamo arrivati all’ultimo giorno. Fisico che sta per cedere, deprivazione del sonno, voglia di un letto vero. Non manca tanto, ci separa solo un’altra giornata di concerti. Ci si muove con calma, ci si riposa più del solito, poi una buonissima colazione giù in spiaggia in attesa dell’inizio dei concerti. Il beach stage regala pure oggi: i norvegesi Suicidal Ninja Monkeys con il loro punk rock che in certi punti ricorda certi Sum 41, i londinesi Jawless con il loro thrashcore e la cantante Teresa vera animale da palco, passando per i tedeschi Primetime Failure e il loro pop punk fino ad arrivare al gruppo che più aspettavo in questo festival, ovvero The Raging Nathans da Dayton, Ohio. E mi ritrovo così attaccato alle transenne a fare singalong sulle varie canzoni della scaletta, hit dopo hit e li ringrazio personalmente per aver fatto ‘The Lime Pit’ come canzone bis. Grandi musicisti e persone umilissime e alla mano. Voto 10 e lode. Ci spostiamo sul main stage dove aprono le danze gli sloveni Alo!Stari, punk rock anni 90 cantato nella loro lingua madre che non può far altro che trovare consensi nella rappresentanza slovena del festival. A seguire i leggendari Pigs Parlament, anche loro sloveni, ormai un’istituzione del PRH vista la loro presenza dal primo anno. La loro è una miscela energica di punk melodico, ska, hardcore e metal, super coinvolgenti e anche loro successo assicurato tra i presenti. Da loro amico non posso che esserne contento. Dopo di loro è il turno dei Jaya The Cat, uno dei gruppi più amati dal pubblico del PRH. Il loro ibrido di punk/ska/reggae/dancehall funziona alla grande e la gente risponde estasiata e a quanto pare la loro esibizione viene riconosciuta come la migliore di tutto il festival. Arriva il turno dei Pulley e per l’ennesima volta si ripropone il solito dilemma: come fanno ad essere così fighi su disco e a far live al limite della decenza? La voce di Scott è ormai andata e il resto della band cerca di salvare il salvabile, ma dopo qualche canzone cala l’attenzione e l’interesse. Meglio tenere le forze per l’ultimo gruppo della serata, ovvero gli inglesi Toy Dolls. Il trio capitanato da Olga fa un gran bel concerto, sono belli in forma, coinvolgono bene il pubblico, hanno buon tiro anche grazie a Duncan degli Snuff dietro le pelli che tiene il ritmo bello potente. La gente è presa davvero bene, a chi è venuto in giornata solo per vederseli scatta anche la lacrimuccia. Finiti i concerti c’è ancora l’ultimo passo da compiere, ovvero il rituale punk rock karaoke a opera dei Pigs Parlament dove mettono a disposizione una lista di canzoni che suoneranno e ognuno si iscrive per cantare la canzone che vuole. Quest’anno ho scelto ‘Dammit’ dei Blink-182, cantata a metà karaoke nella bolgia del hangar. Poi un’oretta su una sedia sdraio ad assaporarmi la tranquillità di chi sa che il festival è ufficialmente finito. Il corpo si rilassa, gli occhi osservano gli altri partecipanti ancora pieni di energie, la mente è divisa a metà tra l’idea di poter dormire su un letto il giorno seguente e quella di dover aspettare un anno per la prossima edizione. Non sarò più il ghepardo di una volta ma intanto un altro Punk Rock Holiday me lo sono messo in saccoccia. E va benissimo così.

buster-shuffle

(Txt Michael Simeon and Pictures Francesco Dose)

Triple B Records European Takeover @ Legend Club, Milano (MI) – recap

August 5, 2023 |

Trivel Collective e Versus Music sono come Marvelous Hagler contro Mugabi: non ci danno tregua, ci massacrano (nel senso buono) organizzando eventi su eventi, concerti fighi su concerti fighi…
Read More

THE BRONX – INTERVIEW

July 22, 2023 |

Il live dei The Bronx nel pomeriggio della seconda giornata di Slam Dunk Italy ha infuocato il pubblico più del caldo sole romagnolo di inizio giugno…

…siamo riusciti a scambiare due parole con Matt Caughthran sul passato, presente e futuro della band.

SD: Parlando della scena hardcore punk hai visto un’evoluzione da quando avete iniziato la band?
B: Penso che ovviamente ci sia una costante, ma ora son più vecchio e stan venendo fuori un sacco di nuove band con un’energia, penso che come si faccia musica e tutte quelle cose li sian cambiate ma fondamentalmente quando una band fa la cosa giusta l’energia e le idee son le stesse di sempre. Crea per te stesso ma sii anche parte di una community, di una scena, aiutare le persone, è tutto sull’energia del live e della musica e fare le cose “raw and real”.

SD: E voi che siete appunto in giro da ormai 20 anni, che evoluzione c’è stata nella band, e che momenti alti avete avuto?
B: Ce ne son stati tanti, la cosa bella di questa band è che i dischi son dei punti fermi nel tempo no? Il primo disco era bene o male le nostre vite fino a quel punto, e poi col secondo abbiamo avuto una etichetta major ed una produzione grossa, con ovviamente più ansia ma anche energia. Era un tempo interessante anche perchè credo ci fosse un picco per la band. Il terzo disco è stato registrato nel nostro studio, facendo la nostra cosa, quello che volevamo… ci son cosi tanti momenti nella carriera di una band e se devo essere sincero son fortunato che non ne abbiamo avuti molti di bassi. Capisci che intendo, abbiamo avuto per lo più momenti alti, o comunque siamo riusciti ad essere consistenti, perche ci facciamo il culo!

riga8317

SD: Ora in che punto siete, alto o basso?
B: Alto! Perchè è il nostro ventesimo anno! Un grosso risultato!

SD: Farete qualcosa di importante per celebrarlo?
B: Si un po’ di roba negli States e subito dopo anche qui, non siamo riusciti a girare in Europa sin da quando? Prima della pandemia? Si, son almeno tre anni e quindi è bello essere tornati, bello essere tornati in Italia sicuramente. Quando sei una band come i The Bronx e stai celebrando i tuoi 20 anni di attività di concerti, dischi, hai amici che ti spingono a creare assieme, è un legame per la vita che non tutte le persone comprendono.

riga8243

SD: Hai parlato di pandemia, avete avuto problemi con ‘VI’? È stato più difficile promuoverlo?
B: Ecco cos’è successo con ‘VI’: abbiamo registrato il disco prima della pandemia, nel 2019, e prevedevamo di farlo uscire ad Aprile o Maggio dell’anno dopo ma poi è successo il tutto e abbiamo deciso di tenerlo lì, mi sentivo da schifo perchè c’erano cosi tante bands che facevano uscire dischi, la pandemia è stata pazza per tutti vero? Nel frattempo arriviamo nel 2021 e decidiamo di farlo uscire, in un modo che era basato sulla release di una canzone per volta, mese dopo mese, per mantenere l’attenzione per tutto l’anno. È stato un gran lavoro, estenuante, ma è stato figo, abbiamo collaborato con un mucchio di persone diverse, idee diverse, canzoni diverse, ed è risultato essere un progetto molto bello ma ecco, è stato… tanto. Amo la band, il punk, l’hardcore, ci siam detti “dobbiamo trovare una soluzione creativa“ e l’abbiamo fatto succedere. Non ci lasciamo andare giù, nonostante la situazione specifica non era a nostro favore, ci rimettiamo in strada e continuiamo ad andare.

SD: E siam contenti anche che siete tornati qui in Italia, com’era il pubblico dello Slam Dunk prima?
B: Era fantastico! Abbiamo fatto probabilmente solo una manciata di show italiani finora, tipo siamo venuti coi Rise Against, coi Gogol Bordello, e non ricordo… (The Hives/ndr) non suoniamo abbastanza in Italia!

riga8185

SD: Son d’accordo! Considerate di passare più spesso!
B: Sai, i tour europei per le band americane stan tornando ora ed è tutto cosi costoso adesso! Ma ovviamente devi suonare la tua musica, siam contentissimi di essere qui adesso e speriamo di tornare di più.

SD: Secondo te perchè The Bronx e Monster Energy fanno un ottimo match?
B: I ragazzi di Monster Energy tentano sempre di essere parte della community. Arte, musica, action sports, qualsiasi cosa sia. E per noi, una company grossa come Monster che guarda una band come i The Bronx e dice “hey vogliamo che voi facciate parte di questo, vogliamo aiutarvi, sponsorizzarvi, permettervi di crescere di più” questo è molto figo perchè non ci son molte company laffuori che fanno lo stesso. Non ci son veramente. Quindi apprezziamo veramente questo interesse su un livello tangibile, ci aiutano veramente a poter andare in tour, suonare degli shows. È una relazione fantastica!

riga8201

SD: Hai anche un gusto preferito?
B: Si, quella bianca, la Ultra! Quella che bevo regolarmente, la migliore.

SD: Grazie per la chiacchierata, vuoi fare un saluto ai fans italiani?
B: Ciao Italia, è un onore essere qui, I The Bronx vi vogliono bene! È stato bellissimo essere al festival oggi e speriamo di rivederci in più occasioni nel prossimo futuro.

riga8341

(Txt Marco Mantegazza; Pics Rigablood x Salad Days Mag; video courtesy of Monster Energy Italy)

BRYAN KIENLEN (THE BOUNCING SOULS/BEACH RATS) – INTERVIEW

July 12, 2023 |

Abbiamo parlato un po’ di The Bouncing Souls, del progetto Beach Rats, dell’andare in tour in età adulta con famiglia a casa e di tanta bella musica con Bryan Kienlen in occasione dello scorso Punk Rock Holiday.
Read More

Fukuoka + So Close + Anf + Negative Path + Bloody Cirkus @ Palestra LUPo (Catania) – recap

June 19, 2023 |

Sfogarsi, liberarsi da un peso, sollevarsi, sospendersi. Questa serata alla palestra LUPo inizia con i Bloody Cirkus, collettivo romano dedito alle performance di Extreme body art.

I concetti espressi sono talmente espliciti che si imprimono dentro di te in profondità, tagliando di netto vene, muscoli, nervi. Carcere come metafora sociale, terapie imposte, cibarsi, fare sport e “finalmente” l’ora d’aria e poi si ricomincia, terapia, pasto, sport, ora d’aria in un moto circolare, finché la ribellione si mette in atto nelle pieghe della routine, ma è solo pura illusione, tutto è sotto controllo, l’obbedienza è il fulcro e a te non spetta altro che piegarti. Si segue la performance con il fiato sospeso fino all’epilogo, la morte, evento liberatorio ma che grava come l’ennesima sconfitta del genere umano. La potenza del corpo appeso, bucato, perforato è la vera forza di ribellione. L’oltre.

bloody-cirkus3

bloody-cirkus5

bloody-cirkus6

bloody-cirkus7

bloody-cirkus8

boody-cirkus1

La serata musicale vede sul palco i Fukuoka (hardcore da Cuneo), So Close (powerviolence da Milano), gli Anf- Alwaysneverfun (powerviolence da Palermo) e i Negative Path (hardcore da Palermo). I Fukuoka da Cuneo sono stati una folgorante scoperta, già attivi da qualche anno, con un lavoro dal titolo ‘Spaccati Di Vita Quotidiana’ e con il nuovo album ‘Natura Umana’ uscito da qualche settimana, hanno dimostrato sul palco con un set veloce e spigoloso come si suona hardcore in Italia, in italiano. I testi gridati a squarciagola sono un elemento portante del sound dei Fukuoka che mischiano alla grande hardcore old schoool made in 90 con sferzate rock n roll/punk rock.

fukuoka1

fukuoka2

fukuoka3

fukuoka4

fukuoka5

fukuoka7

I So Close da Milano ci “deliziano” con un annichilente set di hardcore powerviolence davvero brutale tanto che molta gente era lì sotto il palco impietrita dal macigno incombente che aveva davanti. Anche per loro breve set ma super intenso.

soclose

soclose1

soclose2

soclose3

Le band palermitane Anf e Negative Path hanno in comune il cantante, gli Anf hanno prodotto un catastrofico set di powerviolence elettrizzante come delle continue scosse a 380V.

anf

anf2

anf3

Infine i Negative Path che, con il loro grezzissimo old school thrashroll hardcore, hanno aperto le danze nel modo più congeniale a loro: sbattere in faccia la loro musica. Piccola riflessione: la sensazione è statica di una forma che si è a poco a poco materializzata e plasmata davanti ai nostri occhi. Davanti a noi i il palco, le band, la gente che fa foto che fa video, che beve che chiacchiera ed è come la partitella dei ragazzi del quartiere nel cortile accanto casa. Un posto protetto, garanzia di divertimento, e luogo di culto. E chi curioso vuole aggiungersi è il benvenuto. Lontano dal music business, dai token, dalle foto fighe e dai selfie del “io ci sono”. Come una schietta risata ancora sincera, palestra LUPo c’è.

negative-path

negative-path1

negative-path2

negative-path3

(Txt y Pics Giuseppe Picciotto x Salad Days Mag – All Rights Reserved)

Metal Vincit Omnia: il Dissonance Festival è più grande che mai

June 6, 2023 |

Partecipare ad un festival ogni anno è magia.

Assistere alla sua evoluzione curativa ed artistica, ammirare come assieme ad essa si imbarchino nell’avventura anche i suoi spettatori, dal più fedele all’ultimo arrivato, è d’ispirazione per chi crede ancora nello spettacolo. Al metal non piace cambiare, ma a noi piace che qualcuno abbia il coraggio di provarci e portarne avanti la legacy più moderna. Per il Dissonance quella del 3 Giugno 2023 è stata la nona edizione, la più ambiziosa, a cavalcare una scia di successi culminata con lo scorso anno. Dopo aver ospitato come headliners As I Lay Dying e Lorna Shore nel 2022, Mattia Brembati di Versus Music Agency si unisce a Trivel e Plasma Concerti per puntare ancora più in alto in squadra, con una lineup palleggiata senza sosta tra due open stage.

03062023-_dsf8604-copia

Sono i Meshuggah, divinità del chugging e delle barbe ispide, padri fondatori di chi ama contare i tempi dispari ma anche i breakdown da mani in faccia, gli ospiti d’onore. Il resto del festival conta altri nove (9!) set imperdibili, quasi tutti nostrani. Ed in barba alle previsioni del meteo, la M4 chiusa, lo sciopero delle linee aeree, alle 15:30 il pit è già straripante durante il primo gruppo, i veneti Shading. Nell’industria post-pandemia, ormai va scritto in ogni report, i costi dei tour sono lievitati in ogni fase della supply chain. Investire su eccellenze locali, dalle nuove promesse grind Slug Gore a progetti culto come Destrage e Fulci, estende di gran lunga la palette sonora della giornata, dando al pubblico la possibilità di affacciarsi a nuovi ascolti e nuovi amici.

08012023-_dsf6762-copia

Difficile spiegare in che modo possano convivere il prog-techwear dei bolognesi Prospective, i groove zarrissimi del supergruppo francese ten56. ed i voli sperimentali dei Benthos. Ma la lineup, in un ping pong tra due palchi eternamente gremiti, funziona senza singhiozzi: il Dissonance riesce nell’ardua impresa di attrarre pubblici diversi ma uniti dalla voglia di farsi pettinare dal ronzio di una otto corde e la mitraglia di un blastbeat, anche in assenza totale di capelli.

08012023-_dsf6404

Alcuni dei momenti più iconici prendono luogo proprio sul second stage, il più piccolo ed intimo dei due palchi: i Fulci rimpiazzano la loro classica drum machine per una human machine, Edoardo Nicoloso dei Jorelia/Omens before Hysteria. I Damned Spring Fragrantia ci regalano una performance gloriosa ed emozionante di Divergences, il loro gioiello brutale che compie 10 anni. Un ignoto leggendario completa un cubo di rubik in 10 secondi nel pit degli Slug Gore. Le fasi anticipatorie del grande climax sono così coinvolgenti che quando i compaesani svedesi Soen lasciano il palco ed il sole termina di tramontare, il live dei Meshuggah ci trova tutti energizzati anche dopo 6 ore di metal e birrette. Anzi, a dirla tutta, l’unica rosicata che arriva alle orecchie una volta calato il sipario, è che non si siano trattenuti a suonare anche Bleed. Se non ci credete, abbiamo immortalato le facce di chi c’era.

aaaaaaa

(Parole: Vittoria Brandoni / Foto: Luca Secchi)

Brux + Sacro Cuore + Asfalto + Cotton Mouth @ Palestra LUPo, Catania – recap

May 14, 2023 |

A parte i palermitani Cotton Mouth, esibitisi in apertura di serata con un sound sludge psicotico molto tossico che ha fatto drizzare le orecchie ai presenti…

cotton-mouth1

…gli altri tre gruppi rimanenti (in ordine di bill), gli Asfalto da Catania, i Sacro Cuore da Bologna e i Brux da Barcellona hanno molto in comune tra di loro, non solo la musica street punk oi infarcita da schegge hardcore, ma soprattutto il loro messaggio “politico”, sviscerato in modo energico sul palco a denti stretti.

BRUX

brux1

brux2

brux3

brux4

Vivere una realtà sanguigna, ritagliarsi ancora i propri spazi e scuotersi da un sistema sempre più asfissiante connesso, talaltro, a un sempre più inquietante inferno digitale comandato dai social network: una guerra mentale che si riesce a combattere avendo sempre un basso profilo e un profondo risetto per la propria libertà.

ASFALTO

asfalto1

asfalto2

asfalto3

asfalto4

Sullo sfondo la location di Palestra LUPo che, malgrado minacce di una fine imminente, vive e riesce ad accogliere sempre più persone interessate agli eventi proposti.

SACRO CUORE

sacro-cuore1

sacro-cuore2

sacro-cuore3

sacro-cuore4

sacro-cuore5

(Txt y Pics Giuseppe Picciotto x Salad Days Mag – All Rights Reserved)

ULTRANOIA – INTERVIEW

April 19, 2023 |

Hanno appena pubblicato un nuovo album ‘Nudi+Crudi’, un disco che combina l’intensità dell’emo punk con le melodie del punk rock…

…il tutto condito con sonorità e piglio tipico del rock che ti fa venire voglia di cantare ritornelli a squarciagola. Signore e signori, vi presentiamo gli Ultranoia da Caserta, in esclusiva per Salad Days Magazine.

SD: Come è stato il processo creativo dietro il vostro album di debutto ‘Nudi+Crudi’? Quali sono state le vostre fonti di ispirazione principali?
U: Il disco è stato concepito e sviluppato nell’arco di un anno, ogni pezzo è stato realizzato in maniera differente tra loro, qualche volta partendo da una bozza di riff di chitarra e sviluppato successivamente o altre volte partendo dal testo. Il brano ‘Nudi+Crudi’ ad esempio, ha preso vita dopo un sogno ben definito e immediatamente è stato musicato nell’arco di una giornata. Le nostre fonti di ispirazioni spaziano dall’hip hop all’hardcore passando sicuramente per il cantautorato italiano e l’emo americano, per citarne alcuni più vicini al progetto: Verme, Fine Before You Came, i primi FASK, Moose Blood, Iron Chic, Tiger Jaw etc.

SD: C’è una storia particolare dietro uno dei brani dell’album che vorreste condividere con i nostri lettori?
U: Ogni brano racconta una storia a se, ma se dovessimo sceglierne uno sarebbe sicuramente ‘Fulmini’. Questo è il brano al quale siamo più legati. Tocca le corde di un periodo non dei migliori, difficile da spiegare a parole ma che attraverso la musica ha trovato la sua dimensione. Se dovessimo trovare una parola per descriverlo sarebbe sicuramente la parola subconscio, la parte buia di ognuno di noi con la quale, col tempo, abbiamo imparato a convivere.

SD: Come descrivereste la vostra creatività come band underground? C’è un particolare approccio alla creazione della musica che preferite adottare?
U: Non abbiamo un particolare approccio creativo, ci piace lasciarci trasportare dagli eventi e dalle situazioni più disparate e disperate, tutto può nascere da una frase stupida o da una storia realmente accaduta.

SD: Quali sono le peculiarità di essere una band underground nel panorama musicale attuale? Quali sfide e opportunità vi presentate?
U: Sicuramente la peculiarità che non può mancare attualmente ad una band underground di qualsiasi genere e provenienza è l’indipendenza, quella che ti permette di realizzare un prodotto da zero, dal sound all’aspetto visivo senza limiti cercando di rispecchiare a pieno il carattere della band stessa fino ad arrivare all’organizzazione di un release party e tirarlo su tutto con le proprie forze e quelle dei pochi amici che come te supportano la scena. Quello che abbiamo voglia di fare è sicuramente macinare chilometri per suonare su più palchi possibili, conoscere nuove persone, nuove band e soprattutto condividere le nostre esperienze.

SD: Come descrivereste la scena musicale di Caserta? Ci sono altre band locali che apprezzate o con cui avete collaborato?
U: Abbiamo la fortuna di fare parte di un collettivo che da più di dieci anni organizza eventi underground con band da tutto il mondo, si chiama CBC. All’interno di questo collettivo ci sono persone che si interessano dal mondo della musica a quello del tatuaggio, foto, videomaking e tutto quello che è concerne alla nostra visione di arte. Si, abbiamo decine di band che vale la pena scoprire dal death metal allo shoegaze dal beatdown all’alternative rock: Cheap Date, RFC, Mendoza, Gomma, Fulci, DA4TH, Face Your Enemy etc. Per adesso ancora non abbiamo collaborato con nessun’altra band casertana.

SD: Il vostro album presenta evidenti influenze punk. Come vedete la scena punk italiana oggi? C’è una scena punk attiva a Caserta?
U: Non pensiamo ci sia una scena punk a Caserta, almeno non l’abbiamo vissuta in prima persona. Ci sono solo sonorità e rimandi a quello che potrebbe ricordarlo.

SD: Quali sono i vostri progetti futuri? Avete in programma di fare un tour per promuovere ‘Nudi+Crudi’? C’è già del nuovo materiale in lavorazione?
U: Siamo alla ricerca di date per portare in giro il nostro disco, per ora ne abbiamo qualcuna, speriamo di poterne aggiungere tante altre. Le idee per un nuovo lavoro sono tantissime, dobbiamo solo metterle in ordine il prima possibile. Ciao a tutti e tutte, ci vediamo sotto al palco appena abbiamo finito! (anche prima per un bicchierino).

335056113_546645630902912_6080645598200953096_n

(Txt Gab De La Vega x Salad Days Magazine)

WINTER DUST – INTERVIEW

March 24, 2023 |

Dopo qualche anno di silenzio i padovani Winter Dust sono tornati con un album nuovo e con grandi novità: ‘Unisono’ è il loro primo album in italiano. Li abbiamo intervistati per Salad Days Magazine.
Read More

CRISTIANO REA – REST IN PANK!

March 13, 2023 |

Questa intervista sarebbe dovuta uscire prima dello scorso 3 febbraio, data di lancio di ‘Pank!’ al Forte Prenestino. Tempi e code non ci hanno aiutato, e siamo qui. Apprendiamo della scomparsa di Cristiano Rea, oggi. Sgomenti. Senza parole.

Ci avevamo parlato un paio di mesi fa. Entusiasta. Anzi gasato (l’ho sentito, quindi insisto: “gasato”) dal lavoro con Goodfellas, con Guglielmi, e con tutti gli altri amici coinvolti nella raccolta/resoconto della sua storia. Che fare? Il modo migliore di ricordare Cristiano, per noi, è quello di “madarla” come doveva essere. Uncensored. Unchanged. Ed aggiungo un pensiero, da anti-fascista. Oggi parte la settimana del ventennale dell’uccisione di Dax. Il documento politico (e non solo) che spiega quello che è successo, e quello che succederà, è illustrato da Zerocalcare. Penso a Dax, penso a Cristiano Rea, là. Assieme.

In occasione dell’uscita di ‘Pank!’, raccolta dell’opera (non proprio, come scopriremo più avanti) omnia di Cristiano Rea, scambiamo due chiacchiere telefoniche con l’autore. Il tutto organizzato da Goodfellas, che dopo Negazione e Virus, sposta il suo mirino, giustamente, verso la capitale. Non essendo (io) un professionista, ero molto restio alla telefonata, il modo di gran lunga più “pain in the ass”, in questo mondo super social e ancora più veloce, per fare un’intervista. Ma, col senno di poi, ci sta. Perché stiamo parlando di disegni (e fino ad un certo punto della sua storia stiamo parlando di “disegni a mano”). Stiamo parlando di un mondo “analogico”: i.e. attenzione e spontaneità. Per dire che, come i suoi disegni, tutto quello che leggerete qui sotto non è stato registrato, non è stato sbobinato, non è stato RICALCATO. Tutto quello che leggerete qui sotto è la mia versione: take it or leave it.

20230226_194733

SD: Non parleremo della tua storia, non parleremo del tuo stile. Non parleremo dei tuoi “eroi”. Non ti chiedo il quando, il dove ed il perché… non ti tedio con “sei arrivato prima alla musica o alla grafica”. BTW, volete un motivo per comprare il libro? L’ottima e dettagliata intervista a cura di Federico Guglielmi. Quindi: chi ha avuto l’idea di ‘Pank!’?
CR: proprio Federico! Un paio di anni fa, in occasione di una ristampa “vinilica” che stava curando, mi ha chiamato proponendomi una retrospettiva sul mio lavoro. Devo dire che di primo acchito non gli ho risposto: “WOW!”. Anzi, ero molto perplesso. Vedevo un grosso problema nel progetto: non avevo nessun archivio, nessuna traccia, nessun database…

SD: Mi precedi: ti avrei infatti chiesto dell’archivio, di chi aveva le testimonianze, di dove avete cercato la (tua) storia! Come avete fatto?
CR: Per fortuna un grosso lavoro era stato fatto intorno al 2014, quando lo Spartaco (per gli extraterrestri che non sanno di cosa parliamo, facebook.com/csoa.spartaco) ha organizzato la prima mia “personale” (focalizzata sul periodo “Uonna Club”). Da lì c’è stata la più classica “chiamata alle armi”, fino ad arrivare ad amici che hanno tolto i miei flyers dalle loro cornici!

20230226_195032

SD: Non posso credere che tu non avessi NIENTE! Come è potuto succedere?
CR: Ricondurrei il tutto a due parole chiave: “spontaneità” e “urgenza”. Lo scopo era comunicare il messaggio senza costrizioni, senza troppi “cazzi” (questa è ovviamente mia). Faccio un esempio. Negli gli anni del Uonna Club, disegnavo i flyers il pomeriggio per la sera. Consegnavo. E finiva lì. Non c’erano copie per me. Non c’erano bozze o disegni preparatori. Quello era, e quello consegnavo.

SD: Col senno di poi, non ti rode?
CR: No. Era puro divertimento. E’ andata così. E non poteva che andare così. Quelli erano i tempi. Quelli erano le persone. Ritorno al discorso “urgenza”. Quei pomeriggi non pensavo a quei disegni… quei pomeriggi pensavo solo a quelle sere… diciamolo chiaro: alla fine volevamo ballare!

20230226_194824

SD: Se devo scegliere il tuo periodo migliore, per mia sensibilità personale, scelgo la fase “wave”. Cosa ne pensi?
CR: Grazie mille. Che dire? A prescindere dalla tecnica (disegno, illustrazione, grafica, impaginazione) non concepisco il mio lavoro “staccato” da un messaggio, da un’idea. Mi spiego. Non sono uno di quelli che disegna per il gusto di disegnare (anche perché sono molto autocritico). Sono inevitabilmente legato a qualcosa che per me è interessante. Era interessante il filone del punk (e ci tengo a dire… punk in italiano). E’ stato interessantissimo il filone della new wave (e ci tengo a dire… new wave in italiano). Tanto che mi sono quasi sentito in colpa nei ’90, quando ho abbandonato il disegno per “le macchine elettroniche” (cit. dalla scheda dedicata all’autore). Mi sembrava che il tempo che stavo dedicando a quei lavori fosse poco, o comunque non abbastanza.

SD: Se ti può consolare, penso che se un lavoro è fatto bene valga a prescindere dal tempo che ci si mette a farlo: certe tue copertine, per esempio, sono iconiche (penso a ‘Balla E Difendi’ o a ‘Figli Della Stessa Rabbia’). Cosa ti piace, cosa pensi della grafica oggi? Mi spiego meglio. Con qualcuno del mio giro parlavo del fatto che ultimamente, ai concerti, o meglio a certi concerti, ci sono più fotografi che pubblico, non è che anche il “tuo” mondo sta andando in quella direzione? E, se così fosse, è un bene o un male?
CR: Sicuramente penso sia un bene che la grafica (o il disegno) goda di questo buon momento. Penso sia un bene, rispetto ai “miei anni”, che questa “disciplina” sia finalmente riconosciuta come una professione. Per quel che vedo intorno a me (ci tengo a scrivere e sottolineare che qui lo dice con la massima “umiltà”, quasi non volesse… ok?), noto una certa uniformità nelle proposte. Il che forse non è un bene.

20230226_194910

SD: Sono previste date in giro per l’Italia?
CR: Il libro sarà presentato al Forte Prenestino. 3 febbraio. Poi ci piacerebbe portarlo in giro. Magari in situazioni più tranquille (i.e. librerie/negozi di dischi).

Nonostante la telefonata “pain in the ass”, mezz’ora volata. Ci salutiamo contenti. Lui, me lo ribadisce, contento del libro e dell’interesse. Io contento della chiacchierata, e non solo.

(Intervista di Francesco Mazza per Salad Days Mag – Illustrazioni tratte dal volume ‘PANK! 1977-2022′ (Goodfellas, 2022))

20230226_195118